Ecco i progetti del Comune per la “rinascita sorianese”

0

SORIANO NEL CIMINO – Un incontro finalizzato a convogliare tutte quelle iniziative utili a far tornare Soriano “la perla del Cimino”.

E’ stato questo il filo conduttore degli interventi proposti dal sindaco Menicacci nel corso del terzo incontro aperto con i cittadini sul tema “Rinascita del territorio”.

 

Una vasta platea, come di consueto, ha ascoltato in maniera attenta e partecipe l’excursus delineato dal primo cittadino su quello che è stato fatto, in cinque anni di governo, e su quello che c’è ancora da fare per valorizzare appieno tutte le ricchezze, culturali paesaggistiche e storiche di Soriano che potrebbe, meritatamente assurgere, per le immense potenzialità che possiede, a ruolo di primo piano in ambito nazionale, per quanto riguarda gli attrattori turistici.

 

Menicacci ha introdotto il suo intervento delineando, in maniera esaustiva, gli apprezzabili risultati raggiunti grazie ad un intenso operato dell’intera giunta, coadiuvata dalle numerose associazioni presenti in paese, nel recupero e nella valorizzazione dei beni storici: dalle fontane di Papacqua ai lavori a Palazzo Chigi, dalla creazione del Polo Museale, alla riapertura del Castello Orsini fino al rifacimento del tetto di S.Maria del Poggio.

 

Ovviamente per l’auspicata “rinascita sorianese” tanto ancora c’è da fare, ma i progetti in tal senso dell’attuale amministrazione sono molti e concreti.

 

Il sindaco ne ha elencati alcuni: innanzitutto il potenziamento dell’ufficio turistico, anche con l’inserimento di personale multilingue, la realizzazione di infopoint decentrati in ciascun sito di interesse turistico, una maggiore fruibilità dei luoghi grazie anche ad un intervento di sistemazione dei bagni pubblici, l’azione sinergica con aziende del territorio (ad esempio Unopiù) per la creazione di un marketing territoriale che passi anche attraverso le forze economiche presenti da anni nella zona.

 

Un passaggio importante è stato quello dedicato all’obiettivo di rivalutare la montagna con la creazione di percorsi specifici dedicati e la riconversione dell’Ostello Acqua Maggiore che dovrà rappresentare un servizio aggiuntivo per tutti i frequentatori della montagna stessa.

 

In definitiva luoghi, spazi e tradizioni, rappresentando una reale potenzialità in termini economici, dovranno essere adeguatamente valorizzati grazie all’azione sinergica di istituzioni e cittadini.

 

Si inserisce in quest’ottica la massima apertura dimostrata dall’amministrazione comunale nella volontà di ricercare un programma di governo condiviso con la possibilità, offerta a tutti sul sito www.sorianovo.it di inserire il proprio contributo in termini di proposte e suggerimenti necessari per un’effettiva “rinascita del territorio” .

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.