Concluso a Gallese il progetto europeo Acte

0

 

GALLESE – Ha avuto conclusione ieri sera il progetto europeo ACTE – Active Citizens for a Tighter-knit Europe, che ha visto delegazioni da cinque Paesi Europei (Lituania, Spagna, Rep. Ceca, Ungheria, Cipro) riuniti a Gallese per una intensa settimana di discussione e confronto sul tema dell’Euroscetticismo e della Solidarietà a livello Europeo.

Nel corso della settimana passata in Italia i delegati hanno avuto l’opportunità di scambiare opinioni e raccomandazioni, portare proposte di collaborazione e settare strategie di opposizione alle propagande disgregative che sempre più si stanno diffondendo in Europa. Il Progetto ha inoltre permesso di mostrare le buone pratiche messe in atto dalla città di Gallese e dalle sue aziende nell’ambito della gestione dei finanziamenti europei, mettendo così in mostra le numerose eccellenze che si trovano nel suo territorio.

Ieri mattina presso l’Azienda Agricola Lucciano tutte le delegazioni hanno potuto apprezzare l’intervento dell’onorevole Famiano Crucianelli, già sottosegretario agli Affari Esteri del Governo Prodi e attuale presidente del Biodistretto della Via Amerina e delle Forre di cui Gallese è partner, indirizzato a far capire a tutti i delegati europei come l’Europa sia fondamentale per il futuro della nostra società e al contempo luogo in cui i veri valori e il vero sviluppo sappia partire dal basso, dai cittadini e dalle forze vive del territorio, dall’agricoltura, dalla cultura e dalla storia dei popoli.

La fine delle attività ufficiali del progetto ACTE poi, è stata celebrata in serata con una cena ufficiale presso il ristorante l’Angolo del Castello, attraverso la firma di un Accordo di Cooperazione, ovvero un atto formale con cui si ribadisce l’intenzione dei partners di continuare e rafforzare i rapporti di gemellaggio e di rete creati attraverso il progetto ACTE. L’adesione all’Accordo servirà da base per rendere effettivo sia il gemellaggio che i risultati ottenuti attraverso ACTE, unendo sempre più strettamente Nazioni Europee anche molto diverse, ma con il comune intento di garantire lo sviluppo, il benessere e l’integrazione dei loro cittadini a livello locale ed europeo. Molti i campi di intervento previsti dall’Accordo, dalla promozione della cittadinanza europea, allo sviluppo economico e sostenibile, alla cultura, al turismo e all’educazione scolastica.

“Questa è l’Europa che vogliamo” ha dichiarato il Sindaco di Gallese Danilo Piersanti “Una Europa in grado di superare le differenze culturali e sociali, che renda possibile il coinvolgimento di tutti i cittadini nello sviluppo di una Comunità pienamente integrata e cooperante. Quello che abbiamo visto in questi giorni è stato un continuo e proficuo scambio di idee ed opinioni, buone pratiche e consigli che hanno permesso a tutti i partecipanti di allargare la loro prospettiva oltre il locale, aprendosi all’Europa”.

“Speriamo vivamente” Aggiunge il capogruppo della delegazione Lituana “Che questo progetto e il gemellaggio avviato con la città di Gallese, possano essere il punto di partenza per ulteriori progetti di sviluppo, sia sociale che economico, che vedano le nostre due comunità, assieme ai partner incontrati in questi giorni, impegnati nella creazione di una Comunità Europea più unita”.

Il Progetto ACTE ha avuto un ulteriore ed immediato risultato: sono stati infatti presi nuovi contatti con il Comune di San Cristovo de Cea (Spagna) per l’avvio di un gemellaggio; le due cittadine hanno infatti numerosi punti in comune, tra i quali spicca senza dubbio quello di aver ospitato entrambi il frate cistercense San Famiano, santo patrono di Gallese. Conclude infine il Sindaco Piersanti “Vorrei ancora ringraziare tutti i cittadini volontari e i dipendenti comunali che hanno offerto il loro tempo libero e la loro professionalità al fine di garantire la qualità e il buon esito di tutte le attività svolte”.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.