RC Auto, CNA: “Sintonia tra la nostra posizione e il parere della Commissione Giustizia della Camera”

0

VITERBO – La Commissione Giustizia della Camera ha espresso un parere negativo sulle misure contenute nel disegno di legge sulla concorrenza, in quanto limiterebbero pesantemente i diritti dell’automobilista in tema di RC Auto, con gravi conseguenze anche per le imprese di autoriparazione.  Ha chiesto, infatti, la soppressione delle disposizioni che prevedono la rinuncia alla cessione del credito e il risarcimento in forma specifica solo presso le officine convenzionate o per equivalente, per impedire che il consumatore perda il diritto al risarcimento integrale del danno.

 

Soddisfatta CNA Autoriparazione, che registra piena sintonia tra le proprie valutazioni e l’orientamento della Commissione. Quest’ultima, in particolare, ha sottolineato la grave limitazione delle facoltà contrattuali degli assicurati a tutto vantaggio delle assicurazioni, senza peraltro adeguata giustificazione sotto il profilo dell’efficacia del contenimento del fenomeno delle frodi assicurative.

 

Lo stesso risarcimento in forma specifica presso le carrozzerie convenzionate, secondo la Commissione Giustizia, attribuisce, di fatto, alle compagnie di assicurazione il potere di decidere le condizioni di mercato dell’autoriparazione, con una prevedibile riduzione degli standard qualitativi e di sicurezza delle riparazioni. Si rischia di creare un percorso privilegiato verso le imprese fiduciarie dell’assicuratore, spingendo quelle indipendenti fuori dal mercato e limitando pesantemente la capacità contrattuale in tale settore. “Ci aspettiamo che il Parlamento, nel corso della discussione del provvedimento, recepisca le indicazioni contenute nel parere della Commissione e sopprima le forti criticità presenti nel testo”, conclude CNA Autoriparazione.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.