Riforma Confidi, via libera del Senato. De Simone: “Attendiamo approvazione definitiva della Camera”

0

VITERBO – Con 178 sì è stato approvato dal Senato il disegno di legge delega per la riforma del sistema dei confidi, il provvedimento per il rafforzamento dei consorzi che offrono garanzie per l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese. Nessun contrario in aula durante la votazione per il ddl che ora passa alla Camera per il secondo via libera.

 

«La riforma approvata dal Senato – spiega Andrea de Simone (foto), direttore di Confartigianato imprese di Viterbo – è fondamentale per la regolamentazione normativa dei Confidi, il cui valore strategico per la sopravvivenza delle Pmi italiane è indiscutibile. Auspichiamo che il ddl passi in tempi rapidi alla Camera e che al più presto venga attuato in modo tale da rendere effettivo il rafforzamento del sistema di garanzie».

 

Il disegno di legge delega per la riforma dei Confidi incarica il Governo di emanare misure per il rafforzamento del sistema delle garanzie anche tramite la leva della patrimonializzazione, rivedendo e rafforzando il finanziamento pubblico. «Sarà necessario – spiega De Simone – sbloccare le risorse come previsto dalla legge di stabilità 2014, che stanziava 225milioni di euro per lo sviluppo dei confidi e che per ora sono rimasti solo sulla carta. Valorizzare i sistemi di garanzia, sostenendo il loro ruolo aggiuntivo rispetto agli istituti di credito, significa in primo luogo concertare misure normative, snelle ed efficaci, che siano lo specchio fedele dell’evoluzione del mercato e delle esigenze degli imprenditori».

 

I confidi rappresentano per il nostro tessuto imprenditoriale un patrimonio unico, dal valore inestimabile: sono uno strumento efficace e accessibile di garanzia mutualistica che deve essere malguardato e sostenuto. «Rimaniamo in attesa dell’approvazione del ddl da parte di Montecitorio, consapevoli del fatto che la bontà del disegno sia legata a doppio filo con la rapidità con la quale verranno attuati gli interventi. I Confidi rappresentano un esempio eccellente di rete tra imprese che nel tempo, soprattutto in questi tempi, ha assicurato l’accesso al finanziamento per migliaia di imprese, agevolandone il dialogo con le banche».

 

Il disegno di legge appena approvato dal Senato, dunque, rappresenta lo sforzo messo in campo per razionalizzare e valorizzare il ruolo rivestito dalle cooperative di garanzie sparse nel nostro Paese, che devono essere agevolate nel far rete per meglio garantire la filiera della garanzie e controgaranzia a imprenditori e professionisti.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.