Sabato e domenica raccolta firme contro Buona scuola, Italicum, Jobs act e Grandi Opere

0

VITERBO – “Con lo slogan ‘basta divano torna sovrano’ abbiamo aperto la campagna referendaria e stavolta siamo noi che lasciamo il divano per facilitare la raccolta firme nella città di Viterbo. Siamo alla volata finale per chiedere per i referendum abrogativi riguardanti quattro grandi leggi del Governo Renzi, o meglio, contro la Buona scuola (Preside Manager), l’Italicum (Senato non elettivo con capilista bloccati e candidature multiple), il Jobs act (demansionamento del lavoratore e suo licenziamento) e le Grandi Opere (trivellazioni in mare, invece che piccole opere, quali ammodernamento degli acquedotti – ad esempio) e Viterbo non poteva non partecipare.

 

Nel vergognoso silenzio della stampa nazionale, a differenza della nostra locale che invece ha pubblicato sempre tutto ciò che abbiamo inviato, e con le difficoltà del periodo estivo, è già stato raggiunto un buon obiettivo, ma ora diventa appunto necessaria ogni singola firma per mandare un segnale al Governo, che in questi giorni sta ancora dando il meglio di se per l’ultimo passaggio in Senato sull’Italicum e per ribadire, sempre al Governo, che la partecipazione dal basso è ancora POSSIBILE, se i cittadini vengono coinvolti.

 

Domani sabato 19 setembre dalle 9,00 alle 20,00 e domenica 20 settembre dalle 9,00 alle 13,00 Possibile sarà presente con un banchetto a Piazza Verdi (piazza del Teatro) all’angolo tra la confluenza di Corso Italia e Via Marconi (davanti all’ex-Banca di Roma) e chi non è andato ancora in Comune troverà molto più comodo fare una passeggiata ed approfittare di questa comodità.

 

Ricordiamo ancora che anche in tutti i comuni della Provincia è POSSIBILE firmare fino al 25 settembre 2015 che le firme raccolte verranno portate alla Corte di Cassazione al più tardi il 30 settembre. Quindi correte numerosi al banchetto: TORNIAMO SOVRANI!”

 

Giovanna Posati
Portavoce del Comitato ‘Sandro Pertini’ – Possibile Tuscia

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.