Soriano, il Movimento Civico presenta la candidatura di Fabio Menicacci

0

SORIANO NEL CIMINO – A distanza di cinque anni il Movimento Civico riparte da dove era nato. Alle ore 11,00, al Cinema Florida,davanti ad una sala gremita in tutti i posti il porta voce Piero Nicolamme presenta la candidatura di Fabio Menicacci a Sindaco di Soriano nel Cimino.

Il Sindaco uscente ha iniziato il proprio intervento ringraziando gli attuali consiglieri comunali, assessori e vice sindaco che hanno permesso fino ad oggi di amministrare il Comune di Soriano nel Cimino.

 

Facendo presente che tra qualche settimana inizieranno i lavori di recupero e restauro della galleria del Cinema Florida riportando la struttura agli antichi splendori, Menicacci ha sottolineato le motivazioni della sua ricandidatura: essere profondamente innamorato del proprio Paese(ndr il giorno di San Valentino non è stato scelto a caso), l’impegno civile, l’essere arrivato a risolvere molti dei problemi incontrati e la gran voglia di attuare un programma che ha trovato non pochi ostacoli in questi anni.

 

Un’ora e mezza di incontro con soci e simpatizzanti in cui il Sindaco uscente ha spiegato ai numerosi partecipanti le difficoltà amministrative incontrate durante questi anni e l’attuale situazione economica e finanziaria dell’Ente locale.
Menicacci, mai sopra i toni, ha presentato dati e scenari che hanno caratterizzato le difficoltà economiche in cui l’Amministrazione si è dovuta districare.

 

E’ stato ridotto l’indebitamento pubblico del Comune di Soriano nel Cimino di 2.421.000 € facendo si che si possano liberare spazi per chiedere finanziamenti, questa l’apertura del sindaco uscente.

 

Attualmente il comune si trova a pagare 265.000 € all’anno di interessi passivi di cui circa 107.000 dovuti per i derivati.

 

Su questo argomento, Menicacci ha sottolineato che l’amministrazione ha commissionato uno studio a degli esperti che hanno evidenziato come il contratto presenta costi occulti per circa 600.000€ nei prossimi anni. L’attuale amministrazione sta valutando di intentare una causa all’istituto bancario.

 

Menicacci ha proseguito sottolineando che i trasferimenti dallo Stato all’ente locale sono passati da circa 1.500.000€ del 2010 a poche migliaia nel 2015.

 

Davanti ad una platea molto attenta , il sindaco uscente ha spiegato in grandi linee gli ulteriori “debiti” che sono piovuti sull’amministrazione comunale: 300.000 € di stipendi indebitamente trattenuti dal comune fino al 2006 per un dipendente che non era più nei ruoli. Abbiamo ottenuto una rateizzazione quinquennale ma comunque il rientro incide negativamente sul bilancio del Comune per 60.000 € all’anno.

 

La vertenza Edilfarm per la quale la sentenza di condanna era esecutiva dal 2005 e per la quale si dovrebbe essere arrivati a soluzione pagando in tre anni la somma di €. 1,1150.000. Il prossimo consiglio comunale si dovrà esprimere su questa soluzione che comunque comporterà per un triennio maggiori spese di circa 400.000€ all’anno. Oppure voteremo il pre dissesto finanziario dell’Ente.

 

Il candidato Sindaco ha chiarito che attualmente in bilancio la problematica costa un accantonamento di 80.000 € all’anno. Le nuove regole contabili hanno obbligato ulteriori tagli per 120.000 € nel bilancio del Comune e certamente il caos sui tributi fatto dal Governo centrale, compresa l’IMU in agricoltura ha minato ulteriormente le casse del Comune.

 

Menicacci ha dichiarato che a fronte di questo quadro fortemente negativo, i vincoli che l’amministrazione si era posta in questi anni sono stati mantenuti: non abbiamo aumentato l’imposizione fiscale e non abbiamo ridotto le risorse destinate al sociale ed alla cultura. Solo nell’ultimo anno Soriano ha registrato oltre 60.000 presenze turistiche.

 

Per il futuro stretti tra i tagli dei trasferimenti e la necessità di mantenere la tassazione a livelli sostenibili dovremmo agire, ha dichiarato Menicacci,sempre di più sulla razionalizzazione e riduzione delle spese salvaguardando la qualità ed il livello dei servizi offerti.

 

Ciò significa, ha proseguito Menicacci, che dovrà esserci un maggior coinvolgimento di soggetti terzi (privati, imprese, associazioni, terzo settore) nel raggiungimento degli obiettivi che ci prefiggiamo

 

In conclusione, dopo aver comunque toccato temi di attualità quali la piscina Comunale, il cantiere in via Giovanni XXXIII, la soluzione ai problemi causati dalla GESTA per il porta a porta,le scuole ecc, Fabio Menicacci ha dato appuntamento agli intervenuti ed alla popolazione di Soriano ai prossimi incontri già programmati per i giorni 28 febbraio,13 marzo e 3 e 10 aprile dove si analizzeranno compiutamente i problemi e le possibili soluzioni e dove insieme alla popolazione si costruirà il programma per amministrare il Comune nei prossimi cinque anni. Incontri dai quali dovrà anche nascere una squadra coesa e impegnata ad amministrare il Comune di Soriano nel Cimino.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.