Sutri aderisce alla campagna senza atomica

0

SUTRI – Nel Consiglio Comunale di Mercoledi 30 giugno è stata approvata, con un solo astenuto e due assenti, la mozione presentata dal capogruppo di Progresso e solidarietà Luigi Di Mauro che impegna il Sindaco a farsi portavoce verso il Governo Italiano e chiedere per conto della comunità sutrina di impegnarsi a:

 

• richiedere alla NATO che gli armamenti atomici presenti nel nostro paese vengano riconsegnati agli Stati Uniti per lo smantellamento;
• avviare un confronto politico all’interno dell’Unione Europea, affinché questa richieda agli Stati Uniti il ritiro di tutti gli ordigni atomici USA-NATO presenti in Europa per il loro smantellamento; proporre nell’ambito delle Nazioni Unite la convocazione della Conferenza ONU sul Disarmo per la definizione di un piano con scadenze vincolanti per lo smantellamento e l’affidamento all’ONU della responsabilità di vigilare sul rispetto di tale piano e sulla applicazione di eventuali sanzioni

 

Sutri da oggi è il primo comune della Tuscia che aderisce ad una campagna per l’approvazione di un Trattato internazionale per la messa al bando delle armi nucleari. Un obiettivo condiviso con molti altri movimenti e organizzazioni della società civile che aderiscono ad ICAN (International Campaign to Abolish Nuclear Weapon) e che rappresenterà uno strumento giuridico più avanzato rispetto al Trattato di non proliferazione (entrato in vigore nel 1970 e rinnovato a tempo indeterminato): l’obiettivo del TNP è infatti la “non proliferazione” (cioè tenere sotto controllo l’aumento delle armi nucleari e dei paesi che le possiedono) mentre l’obiettivo del futuro Trattato per la messa al bando delle armi nucleari è il disarmo nucleare totale.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.