“Non ti scordar di me”, Ronciglione ha celebrato il Giorno della Memoria ricordando Aldo Porta

0

RONCIGLIONE – Ronciglione ha celebrato la giornata della memoria rendendosi tappa del “Memory Tour 2016 – Giornata della Memoria itinerante”, un’iniziativa promossa dal servizio InformaGiovani 8+ che coinvolge anche i comuni di Sutri, Capranica, Caprarola, Trevignano Romano e Viterbo.

 

Quello a Ronciglione è stato il secondo incontro del tour ed ha visto la folta platea della Sala Conferenze della “Residenza La Pace” assistere con attenzione e curiosità alla presentazione della storia illustrata “Non ti scordar di me”, di Corrado Bianchetti. Un pubblico composto da circa cento studenti delle terze classi della scuola media appartenente all’Istituto Comprensivo “Mariangela Virgili”, oltre a insegnanti, istituzioni, operatori giovanili e anziani.

 

Dopo i saluti iniziali dell’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Ronciglione Daniela Sangiorgi, la quale ha ribadito i ringraziamenti da parte dell’amministrazione comunale ai promotori della manifestazione e all’autore Corrado Bianchetti, hanno preso la parola le responsabili del servizio InformaGiovani Federica Batocco e Anna Lodeserto: “Mantenere viva la memoria di un paese attraverso il ricordo – ha affermato Anna Lodeserto, coordinatrice di InformaGiovani – significa renderla parte attiva della nostra quotidianità e delle nostre scelte future, non un’immagine statica come quella di un fumetto, che rischia di finire chiusa in un cassetto”.

 

Proprio di immagini ha poi parlato Corrado Bianchetti, quelle che rendono la sua storia tutt’altro che statica, ma più che mai vivida ed intrisa di emozioni. “Non ti scordar di me” nasce da un concorso vinto dal giovane autore piemontese, indetto dal servizio InformaGiovani di Ivrea. La storia è quella che Corrado ha ascoltato migliaia di volte da piccolo dai racconti di suo nonno, è la storia della sua famiglia. Aldo Porta è il prozio dell’autore, partigiano in Val Luserna fucilato a Caluso, comune del Canavese in provincia di Torino, il 7 aprile 1944: “Sono partito dal diario di Aldo, un ragazzo proprio come me, con le sue passioni e la sua quotidianità, costretto a rifugiarsi sulle montagne per non aderire al partito fascista. Mi sono appassionato alla sua storia perché non era quella di un eroe, ma di un ragazzo semplice di 22 anni come ce ne sono tanti. Così ho deciso di raccontarla con il mio linguaggio, quello illustrato, per tramandare ai giovani ciò che ha vissuto Aldo, uno di loro, affinché comprendano meglio la realtà di un periodo che tra poco non avrà più testimoni diretti, ma che è nostro dovere ricordare”.

 

Un racconto nato sulle pagine di un diario di famiglia ma che si è poi arricchito di preziosi tasselli storici, testimonianze dirette di coloro che sono stati sulle montagne con il partigiano Aldo Porta o che hanno partecipato alla lotta partigiana nel territorio tra la Valle Po e la Val Pellice (anticamente nota come Valle di Luserna), valli alpine in provincia di Torino.

 

A fare da cornice a questo scenario, la storia del suo amore per una ragazza di nome Rosa, conosciuta casualmente durante il servizio militare tra gli ulivi di Diano Gorleri, frazione di Diano Marina immersa nel verde ligure di Capo Berta.

 

E quel fiore, conosciuto con il nome di “non ti scordar di me”, donato alla sua amata come buon auspicio prima di partire per la guerra.

 

La mattinata si è conclusa con le numerose curiosità degli studenti rivolte all’autore e con l’omaggio a tutti i partecipanti, da parte dell’assessore Daniela Sangiorgi, del video documentario “Conoscere la guerra per scegliere la pace”, realizzato nel 2014 dal Comune di Ronciglione insieme alle terze medie dell’Istituto Comprensivo “M. Virgili”.

 

“Una storia piccola, che serve a raccontare la storia con la “S” maiuscola. Questo abbiamo voluto fare inserendo il Comune di Ronciglione all’interno del Memory Tour per la giornata della memoria. Perché i giovani possano sapere ed essere loro stessi testimoni delle atrocità commesse durante la seconda guerra mondiale.Ringrazio il servizio InformaGiovani – afferma l’assessore ai Servizi Sociali, Daniela Sangiorgi – per aver coinvolto il Comune di Ronciglione in un’iniziativa così originale ed educativa, resa possibile grazie alla bellissima storia illustrata di Corrado Bianchetti. Un modo efficace per parlare alle nuove generazioni di un argomento così complesso con immediatezza e semplicità”.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.