Impianto per il biometano: le precisazioni della società Cosmo Energy

0

VITERBO – “In merito al progetto per costruire un impianto per il biometano, la società Cosmo Energy S.R.L. ritiene doveroso fornire le seguenti precisazioni. Un impianto per la produzione di biometano funziona “digerendo” sostanze organiche al fine di trasformarle in metano; lo stesso viene inserito in rete grazie al metanodotto Snam o immesso in commercio per autotrazione. Tale processo biologico è progettato in funzione della “Gestione sostenibile dei rifiuti”, un principio tra l’altro ben spiegato nel resoconto del Convegno scientifico Il ciclo integrato dei rifiuti nel territorio Viterbese, il ruolo del Professionista-Tecnico, svoltosi il 31 ottobre 20L4 presso L’università degli studi della
Tuscia;

 

2. I rifiuti altro non sono che: pollina, sansa di olive, scarti agro-alimentari, potature verdi;

 

3. I rifiuti provengono dal territorio della provincia di Viterbo (non dal mondo);

 

4. Il processo biologico in questione non prevede in nessun modo il trattamento di rifiuti urbani (tendenziose le informazioni diffuse al riguardo);

 

5. Il digestato, la parte rimanente di tutto il processo di trasformazione, viene utilizzato per la lombricoltura. La lombricoltura, o vermicomposting, è un “semplice” processo biotecnologico processo di conversione del residuo dei rifiuti che sono passati attraverso il nostro di compostaggio in cui i lombrichi vengono utilizzati per migliorare il processo di digestione anaerobica, e creare un prodotto migliore, sano e nel rispetto della natura’ Il vermicomposting differisce dal compostaggio in diversi modi, poiché è un processo mesofilo che utilizza lombrichi attivi da 10 a 32 gradi, i quali trattengono ed eliminano gli agenti patogeni sostituendoli con batteri probiotici. È stato dimostrato in modo significativo e scientifico il miglioramento del terreno, così come la porosità e la stabilità complessiva del suolo e dei suoi nutrienti. Grazie a questo “semplice” sistema, si ha la possibilità di sostituire i fertilizzanti chimici usati in agricoltura per la produzione di cibo, che spesso si rivela incompatibile con la salute dell’uomo e della terra;

 

6. Dal momento che la digestione anaerobica implica la totale assenza di emissione di odori, la Cosmo Energy S.R.L. smentisce la notizia immotivata sui presunti cattivi odori; a conferma di ciò si impegna fin da subito a condurre chiunque voglia presso la sede di un impianto di biometano gemello per poter verificare in prima persona;

 

7. La Cosmo Energy S.R.L. si è adoperata in numerose occasioni per fissare un incontro con la popolazione di Grotte Santo Stefano attraverso i politici locali al fine di spiegare il funzionamento e i benefici dell’impianto (al riguardo, la Cosmo Energy S.R.L. non ha mai
ricevuto neppure risposta);

 

8. Nel contesto attuale di crisi economica, un’iniziativa privata (non finanziata da denaro pubblico) che nel rispetto delle norme civili e ambientali propone un investimento importante ( alle norme quale presuppone una ricaduta notevole sul territorio), anziché essere sostenuta, viene ostacolata da una parte della politica locale;

 

9. Tutte le informazioni qui riportate corrispondono al vero. Nell’eventualità che si verifichi un’ulteriore diffusione di notizie infondate e tendenziose, la Cosmo Energy S’R’L’ è disponibile a fornire ogni chiarimento e spiegazione in tutte le sedi per difendere il proprio operato corretto e rispondente alle norme italiane che sono tra le più’ restrittive”.

 

Andrea Marinelli
Presidente Cosmo Energy Srl

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.