“Monitoraggi più frequenti sulla qualità delle acque”

0

RONCIGLIONE – “Il sindaco e gli amministratori di Ronciglione hanno incontrato venerdì 4 marzo 2016 la dottoressa Antonella Litta dell’Associazione italiana medici per l’ambiente – Isde e il dottor Luciano Sordini segretario della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale) di Viterbo. Tema dell’incontro la grave situazione ambientale del lago di Vico e il possibile e connesso rischio sanitario per le popolazioni di Ronciglione e Caprarola.

 

Presso il Comune di Ronciglione si è svolto venerdì 4 marzo 2016 un incontro sulla grave situazione ambientale del lago di Vico e il possibile e connesso rischio sanitario per le popolazioni residenti stabilmente nei comuni di Ronciglione e Caprarola.

 

Presenti all’incontro il Sindaco Alessandro Giovagnoli, la dottoressa Antonella Litta dell’Associazione italiana medici per l’ambiente – Isde(International Society of Doctors for the Environment), il dottor Luciano Sordini segretario della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale) di Viterbo, gli assessori Marco Bondini, Mario Mengoni, Sergio Orlandi, l’architetto Nicoletta Gasperini e Luisa Moglia collaboratrice dell’Isde di Viterbo nelle attività territoriali di informazione e formazione salute – ambiente.

 

Nel corso dell’incontro, nel quale sono state ripresentate e consegnate le precedenti segnalazioni dell’Isde su questa vicenda (l’ultima del 25 novembre 2015 e in allegato), si è discusso circa gli interventi più adeguati ed urgenti da predisporre a tutela della salute dei cittadini e per risanare l’ecosistema del lago di Vico, patrimonio naturalistico per l’intero territorio viterbese e bene comune preziosissimo da risanare in quanto anche principale risorsa idrica per le popolazioni di Caprarola e Ronciglione.

 

Nella discussione sono state affrontate le cause del degrado della qualità delle acque del lago, i possibili e connessi rischi sanitari e le diverse criticità da superare relativamente agli attuali sistemi di potabilizzazione delle acque erogate ad uso umano.

 

E’ emersa quindi la necessità di monitoraggi più frequenti sulla qualità delle acque dell’acquedotto comunale da prolungarsi da oggi e per almeno un anno, come metodo per una corretta verifica dell’efficacia del potabilizzatore attualmente in funzione.

 

A questo proposito la dottoressa Litta e il dottor Sordini hanno ribadito che come prima e fondamentale misura per la tutela della salute, e in applicazione del Principio di precauzione, sia da attuarsi la sospensione della captazione di acqua dal lago di Vico ad uso potabile e il contestuale reperimento di fonti alternative di approvvigionamento idrico per i cittadini fino alla completa realizzazione di una efficace, sicura e costante depurazione e potabilizzazione delle acque distribuite ad uso umano.

 

Il sindaco Giovagnoli si è detto anche disponibile a chiedere alla Asl di Viterbo, di predisporre interventi sanitari tesi alla prevenzione e alla diagnosi precoce di malattie che possono essere correlate anche all’esposizione cronica a fattori tossici e cancerogeni presenti nelle acque del lago di Vico (monitoraggio di lungo periodo relativo allo stato di salute delle persone e in particolare dei bambini, avvio di nuovi servizi territoriali di prevenzione e il potenziamento di quelli esistenti).

 

Il dottor Sordini ha infine auspicato verifiche periodiche di tutte le azioni già predisposte e di quelle che si predisporranno a tutela della salute.

 

A conclusione dell’incontro anche l’impegno condiviso di organizzare prossimamente un incontro di formazione – informazione su queste problematiche”.

 

Associazione italiana medici per l’ambiente – Isde di Viterbo
Federazione italiana medici di medicina generale – Fimmg di Viterbo

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.