Rifiuti, M5S: “Michelini deve andarsene!”

0

VITERBO – “Il compito di una amministrazione comunale non è di giocare al gioco della poltrona o di effettuare ripetute revisioni politiche. Compito di una amministrazione comunale  è di fornire l’indirizzo politico ai propri dirigenti ed alla macchina amministrativa in genere ed inoltre, non meno importante, verificare e controllare l’attuazione delle proprie direttive e il rispetto della tutela degli interessi dei propri amministrati e concittadini.

 

Quelle che riportiamo di seguito sono tutte le iniziative da noi intraprese nell’ambito del servizio gestione dei rifiuti effettuate con lo scopo di espletare proprio quei compiti che il mandato istituzionale prevede quanto a verifica e controllo affidati anche ai singoli consiglieri comunali di minoranza e maggioranza.

 

Richiesta di notizie, di informazioni e ragguagli oltre a proposte concrete volte al miglioramento del servizio in un’ottica di risparmio per i cittadini che dimostrano come sin dall’inizio abbiamo effettuato ogni sforzo per rispettare il mandato che gli elettori ci hanno assegnato. Vista la sequela di commenti di questo o quel consigliere comunale ci sentiamo di esporre il nostro operato nella massima trasparenza e verificabilità come dopotutto da sempre facciamo come Movimento 5 stelle.

 

27.01.2014
Presentato un Ordine del giorno per evitare la costruzione di inceneritori sul territorio del comune di Viterbo

 

20.02.2014
Presentato un Ordine del giorno che, preso atto del conferimento di rifiuti da altre province e vista la mancanza di dati certi sulla capienza residua della discarica di Monterazzano, chiedeva che il sindaco si attivi per indicare quale elemento impossibilitante il conferimento, l’eventuale insufficiente capienza della discarica di Casale Bussi e sottoponesse il quesito ad un legale del Comune di Viterbo per valutare un eventuale ricorso al TAR. L’O.d.g. è stato approvato con delibera 33/2014 dd. 20.02.2014 ma non vi è mai stato dato seguito

 

09.05.2014
Presentata in Regione Lazio una interrogazione da parte dei consiglieri regionali del M5S inerente la capienza della discarica di Monterazzano. L’interrogazione ha ricevuto risposta in data 11.11.2014 e più in dettaglio al 31.12.2013 la discarica ha una capienza complessiva di 300.000 mc complessivi; il conferito nel 2013 è stato di 133.663 mc

 

31.07.2014
in occasione della discussione della delibera sul “piano finanziario del servizio di gestione integrata dei rifiuti”: interrogazione orale in cui si chiedeva all’assessore Saraconi il motivo per cui si intendeva incrementare la spesa per lo spazzamento stradale per 350.000 euro derivanti dal risparmio ottenuto con l’avvio della raccolta dell’umido e perché non si utilizzasse tale somma per dotare i mezzi di calcolo “a persona” del conferito al fine di determinare un minor costo per i cittadini “virtuosi”
Espresso voto contrario alla delibera 126 del 31.07.2014 per perplessità e contrarietà alle scelte fatte.

 

11.09.2014
Presentata una interrogazione inerente la spesa di installazione dei contenitori di oli esausti per € 6.000 circa spesa già prevista e liquidata dalla provincia promotrice del progetto. Abbiamo ricevuto risposta in data 24.09.2014 nella quale l’amministrazione ci comunicava che non era a conoscenza di quanto da noi affermato.

 

11.09.2014
Presentata una interrogazione volta a conoscere la capienza residua della discarica di Monterazzano. Risposta ottenuta con comunicazione n. 283 del 19.12.2014 della società Ecologia Viterbo in cui si conferma quanto già riportato da provincia e regione Lazio.

 

15.10.2014
Presentata in provincia una richiesta di informazioni inerente la capienza della discarica di Monterazzano visto che a nostra interrogazione in comune non abbiamo ricevuto risposta.
Alla richiesta abbiamo ricevuto risposta in data 25.11.2014; la provincia conferma la capienza di circa 300.000 a fine 2013

 

31.10.2014
Presentato accesso agli atti richiedente informazioni sul “sito di stoccaggio della parte differenziata definita “umido” e relativo contratto stipulato”. Mai ricevuta risposta.

 

06.11.2014
Posta interrogazione orale all’assessore Saraconi circa le intenzioni dell’amministrazione, a fronte delle carenze del servizio, in merito alla possibilità di risoluzione del contratto oltre alla indicazione della contrarietà all’implemento del servizio di spazzamento stradale per 350.000 euro derivanti dal risparmio del conferimento dell’umido.

 

19.11.2014
Presentata interrogazione in merito al contratto di appalto con Viterbo Ambiente, quantificazione dettagliata degli inadempimenti contrattuali e relative penali, oltre alle ragioni, viste le inefficienze, in base alle quali non è ancora stato risolto il contratto. Attendiamo ancora risposta.

 

19.11.2014
Presentata una interrogazione sulla mancata differenziazione del tetrapak prevista nel regolamento rifiuti (art. 17) conseguentemente nel contratto con Viterbo Ambiente e da questa pubblicizzata erratamente nei suoi volantini. Ricevuta risposta durante il consiglio comunale del 29.01.2015 (testo dell’interrogazione e relativa risposta)

 

08.01.2015
Posta Interrogazione orale all’assessore Vannini circa la questione tetrapak, non differenziato malgrado previsto nel contratto con la Viterbo Ambiente, e in riferimento all’assessore Saraconi circa la possibilità di risoluzione del contratto espressa nel consiglio del 06.11.2014.

 

29.01.2015
Posta interrogazione all’assessore Vannini e al sindaco in merito all’ormai chiaro esaurimento della discarica di Monterazzano e al conferimento dei rifiuti da fuori provincia che val il 44% del conferito. Il Sindaco risponde e parla di “atto di sacrifico” !

 

29.01.2015
Posta interrogazione all’assessore Vannini in merito alla mancata differenziazione del tetrapak con la carta così come previsto dal regolamento rifiuti della città di Viterbo, dal contratto con Viterbo Ambiente e dal relativo capitolato speciale d’appalto (già posta in forma scritta il 19.11.2014).

 

16.02.2015
Presentato accesso agli atti richiedente “quantitativi ad oggi conferiti come materiale differenziato (carta, plastica, metalli, umido, poliaccoppiati). Ad oggi, senza risposta

 

09.03.2015
Presentato accesso agli atti richiedente i tracciati GPS (in formato elettronico) e ruolino di tutti i mezzi del mese di gennaio 2015”. Mai ricevuta risposta

 

16.04.2015
Presentata una interrogazione sui contenitori famiglia per oli esausti, sul funzionamento dei chip che dovrebbe aprire automaticamente i contenitori stradali e se sia prevista una campagna informativa per la cittadinanza. Attendiamo risposta.

 

16.04.2015
Presentata interrogazione sulla mancata emanazione dell’ordinanza che prescrive la differenziazione del tetrapak con la carta similmente a quanto fatto per i poliaccoppiati a base plastica unitamente alla richiesta in merito alle dotazioni della ditta incaricata

 

22.04.2015
Presentata richiesta alla ditta Viterbo Ambiente in merito al possesso di idonee attrezzature per il trattamento dei poliaccoppiati a base plastica e carta. Risposta ottenuta via mail in data 24.04.2015

 

Questi sono i fatti del Movimento 5 stelle; per noi contano come la coerenza e l’attenzione dimostrate da sempre sulla questione. È evidente come questa amministrazione non abbia saputo gestire un argomento delicato come questo, è evidente che questa amministrazione che si regge sugli equilibri politici più che sulle competenze deve ammettere la sconfitta e andare a casa! Siano i cittadini comunque a trarre le loro conclusioni e i loro distinguo. Noi il nostro lavoro continueremo a farlo al meglio delle nostre forze e al servizio dei cittadini, come abbiamo sempre dimostrato di saper fare”.

 

Movimento 5 stelle Viterbo

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.