Vasanello, venerdì chiusura degli incontri dedicati al tema della Resistenza

1

 

VITERBO – L’8 settembre 1943 è una data che segna come poche altre la storia italiana. Uno spartiacque, un discrimine che taglia in due la storia recente del paese. L’armistizio, l’occupazione tedesca, la guerra di liberazione, la resistenza, ecc.

 

Un’altra pagina di questa storia, quasi completamente rimossa e dimenticata nel dopoguerra, fu quella dei 650.000 Internati Militari Italiani (IMI), che dopo l’armistizio rifiutarono di continuare a combattere la guerra al fianco dei tedeschi e non accettarono di arruolarsi nell’esercito della Repubblica Sociale Italiana, andando volontariamente incontro a circa venti mesi di internamento e lavoro coatto nei lager nazisti. Di questo specifico aspetto si parlerà venerdì 29 aprile, alle 21,30, presso al casa del popolo di Vasanello grazie ad una iniziativa, a cura del circolo culturale “la Poderosa”, che chiude un ciclo di quattro incontri dedicati al tema della memoria della Resistenza. Ospite della serata sarà Salvatore Federici ex deportato nel campo di prigionia Stalag IX C di Bad Sulza in Germania, che racconterà le vicende della sua terribile esperienza e offrirà lo spunto per un dibattito su una vicenda ancora controversa e poco conosciuta.

 

Le iniziative del circolo fanno parte del progetto Resist XI promosso da Arci Viterbo in collaborazione con ANPI provinciale.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.