A Ornella Discacciati l’edizione 2015 del premio Russia – Italia attraverso i secoli

0

VITERBO – Ornella Discacciati, docente di Lingua e Letteratura Russa presso l’Università degli Studi della Tuscia (DISTU) vince l’edizione 2015 del premio Russia – Italia attraverso i secoli per la miglior traduzione russo-italiano.

 

Giovedì 3 dicembre, alla presenza dell’Ambasciatore russo a Roma, in villa Abamelek, la giuria, presieduta dall’eminente professor Vittorio Strada e formata da insigni nomi della slavistica italiana, quali Serena Vitale, Cesare G. De Michelis, Fausto Malcovati e Stefano Garzonio, ha premiato Ornella Discacciati – e la casa editrice Einaudi – per la traduzione del libro “Čevengur” di Andrej Platonov.

 

Nella motivazione del riconoscimento si legge: Con una dedizione e un’accuratezza davvero meritevoli di encomio Ornella Discacciati ha tradotto Čevengur di Andrej Platonov. Scrittore “intraducibile” lo giudicava Iosif Brodskij che considerava la prosa platonoviana come la più grande del Novecento russo e metteva il nome dell’autore accanto a quello di Kafka, Musil, Joyce. […] Nella prefazione Ornella Discacciati riconosce che la sua è una “sfida raccolta con una certa incoscienza”. Le siamo grati per il coraggio e la passione che l’hanno spinta a restituire in italiano un così arduo capolavoro della letteratura mondiale.

 

La cerimonia, in collaborazione con l’Istituto “B. El’cin” e con il patrocinio del Ministero della cultura e del Ministero degli esteri della Federazione Russa, si è svolta nell’ambito dell’anno della letteratura e ha aperto il festival Russia Italia attraverso i secoli, giunto alla sua nona edizione. Il premio, che ha lo scopo di richiamare l’attenzione dei lettori sulle opere russe e rafforzare gli scambi culturali tra i due Paesi, le è stato consegnato da Olga Strada, direttrice del centro di cultura italiana a Mosca.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.