Inaugurata la mostra “Montefiascone Ritrovata”

0

MONTEFIASCONE – La mostra, Montefiascone Ritrovata, allestita dal gruppo culturale EstrosEidee, presieduto da Marcello Mari, presso i locali del’ex carcere di Montefiascone sotto la mura delle Rocca dei Papi, ha riscosso un notevole successo vista la presenza di pubblico non estremamente numeroso ma altamente qualificato.

 

La mostra è stata allestita a soggetto e localizzato uno in ogni cella. Elencare tutti i soggetti sarebbe lungo e forse noioso, ma alcuni di primaria importanza, come al stanza di S.Brigida, la Stanza di Defuk, la stanza della tipografia che, da ultimi studi, sembra essere una delle più antiche del mondo, se non la più antica, non li possiamo non menzionare.

 

La prof.ssa Elettra De Maria ha tenuto il discorso inaugurale mettendo a fuoco i principi storici, artistici, culturali, accanto all’artigianato e fantasia che hanno caratterizzato il passato di Montefiascone e che, nella mostra oltre ad essere ricordati sono testimonianze di conoscenza per le nuove generazioni. Ritrovare Montefiascone nei suoi eventi storici per ritrovarlo in una unità sociale e di vita quotidiana cittadina che negli anni passati si è un po perduta.

 

E’ quindi intervenuto il sindaco L. Cimarello che ha tenuto a sottolineare come ritrovare le nostre origini, le nostre eccellenze del tempo passato diviene elemento di cultura per le nuove generazioni affermando che le realtà del tempo passato diventano didattica nel tempo moderno; esse sono realtà che le nuove generazioni non trovano sui libri quindi la tradizione diviene necessaria per non perdere valori importanti come questi. Sostenere queste Associazioni e, per fortuna nella nostra città ci sono molte, proprio perché, nella loro specificità, fanno conoscere la vita dei nostri avi, il loro modo di vivere e di essere. Guardare il passato per svilupparsi nel futuro e questo è un elemento che favorisce anche il flusso turistico nella nostra città. Estro personale e ricerca nella storia che favoriscono la valorizzazione del tempo passato. Tutto questo per sentirci più montefiasconesi di prima, consapevoli che in molti settori, compreso quello sportivo, la nostra città ha molto da dire.

 

L’assessore alla cultura R. Trapè ha aggiunto, nel suo intervento, che una comunità che ha il passato e non lo valorizza non ha futuro; se non si conosce il proprio passato e non lo si trasmette ai giovani si è destinati alla sterilità del vivere.

 

A cavallo dei discorsi di rito, si sono esibiti due giovani musicisti di Montefiascone; Filippo Malvezzi ha cantato due belle romanze accompagnato dal chitarrista Gabriele Lotichius, e la sig.ra Giuliana Lampani, con un sottofondo dello stesso chitarrista, ha recitato due sonetti con tema Montefiascone. Il sindaco Cimarello ha quindi provveduto al taglio del nastro ed, a seguire, vi è stato un frugale rinfresco.

 

La mostra, nel contesto della festa di S. Bartolomeo, sarà visitabile nella giornata di domani, venerdì, dalle diciassette alle venti e dalle ventuno e trenta alle ventitre; sabato, domenica e lunedì, giorno della festa, dalle dieci alle dodici e trenta, dalle diciassette alle venti, dalle ventuno e trenta alle ventiquattro.

 

Pietro Brigliozzi

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.