Oriolo Romano: sale l’attesa per il Festival “Il Muso”

0

ORIOLO ROMANO – Torna anche quest’anno il “Muso”, che festeggia così il suo tredicesimo compleanno. L’appuntamento è per il 17, il 18 e il 19 luglio sempre a Oriolo Romano, dove nella cornice di Largo Santacroce dietro Palazzo Altieri si alterneranno le band che saranno protagoniste della nuova edizione del festival. Sul palco come sempre, si alterneranno gruppi emergenti che stanno animando il panorama musicale italiano e promettenti realtà locali.

 

Il Muso è da sempre occasione di incontri e di stimolo per le proposte musicali alternative presenti nel nostro panorama nazionale ed è diventato, con gli anni, un banco di prova per i più svariati artisti dinanzi ad un pubblico sempre più numeroso ed esigente.

 
Una storia che parte ormai dal lontano 2002 e che ha ospitato artisti come Statuto, I Ratti della Sabina, Andrea Ra, Franziska, Banda Bassotti, Radici nel Cemento, Wogiagia, La Fonderia, Rosso Malpelo, The Gang, Pan del Diavolo, Management del dolore post-peratorio fino ai KuTso, rivelazione della scorsa edizione.

 

Il palinsesto musicale della XIII edizione, più coinvolgente ed energico che mai, vedrà sul nostro palco di 90 mq esibirsi:

 

17 luglio: “Giancane” con il suo country neomelodico e “Vazzanikki” con il loro rocknroll/rockabilly di matrice americana made in Roma.
18 luglio: “Rumore Binario”, “Sterbus” e “Etruschi from Lakota”, vincitori del Premio FAWI nel 2013 assegnato dalla Fondazione Arezzo Wave al miglior gruppo emergente italiano e nel 2014 del premio Buscaglione dedicato alla canzone d’autore italiana, vinto l’anno prima da Lo Stato Sociale.
19 luglio: “Villa Mura”, “Acme Corp.” e a chiudere i grandi “Bud Spencer Blues Explosion”, un duo eccezionale che ha dimostrato di essere una delle band più forti dal vivo in giro per i festival d’Italia e con alle spalle addirittura un tour in America.

 

Anche per quest’anno l’ingresso è rigorosamente gratuito!
Inizio concerti: ore 20:30

 

Come al solito all’interno del festival, spazio ristorante con la pizza dei Musi ma anche panini, primi piatti e carne alla brace per la soddisfazione di tutti i palati, stand libreria in collaborazione con la libreria Straffi, area relax e wine bar immersi nel verde di Villa Altieri dove ogni sera dalle 19.00, sorseggiando l’aperitivo, si potranno “scaldare le orecchie” con gruppi live in formazione acustica e dove il sabato sera, a fine concerti, potrete liberare le ultime energie rimaste con il dj set di Stromberg.

 

Anche quest’anno un intero stand dedicato al mondo dei fumetti e dell’illustrazione che ospiterà professionisti, insegnanti e fumettisti di fama mondiale.

 

Venerdì 17 luglio sarà presente l’associazione Rackham Caffè, collettivo di autoproduzioni nato per condividere la creatività nelle pause caffè.

 

Sabato 18 luglio saranno con noi Fabio Romani, Francesco lo Storto e Giampiero Wallnofer professionisti del fumetto e dell’illustrazione italo-francese nonché insegnanti all’Accademia Internazionale di Comics di Roma.

 

Domenica 19 luglio avremo infine il piacere di ospitare due artisti di fama internazionale: l’argentino Enrique Breccia, autore de “La Vida del Che” e collaboratore della Marvel, e Paolo Eleuteri Serpieri, colonna storica di Lanciostory e di L’Eternauta nonché creatore di Druuna; due maestri che con le loro opere hanno influenzato e continuano a influenzare intere generazioni di artisti.

 

Inoltre all’interno di Palazzo Altieri sarà allestita la mostra fotografica “I giardini parelleli” di Francesco Galli legata al progetto sulle ville storiche del Lazio.

 

Senza dimenticare la possibilità di accedere a Villa Altieri, uno splendido parco urbano per anni chiuso, che il Muso ha parzialmente riaperto per la prima volta nel 2013 e di poter godere della nuova passeggiata illuminata delle Olmate. E poi… basta indiscrezioni… venite a trovarci per scoprire tutte le altre sorprese che il Muso 2015 ha in serbo per voi! Appuntamento quindi a Oriolo Romano dal 17 al 19 luglio.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.