Tre nuovi corsi di laurea all’Università della Tuscia

1

Massimiliano Chindemi

 

VITERBO – L’Università della Tuscia allarga il raggio della propria offerta formativa. Saranno infatti ben tre i corsi di laurea che, dal prossimo anno accademico, saranno attivi presso l’Ateneo viterbese.

 

Il primo riguarderà la Pianificazione e progettazione del paesaggio e dell’ambiente; un corso di laurea triennale (Scienze agrarie), che verrà proposto unitamente all’Università La Sapienza di Roma, fondato sulla compenetrazione tra architettura e ambiente.

 

Il secondo corso sarà invece dedicato alle Scienze della Montagna (Dafne); una laurea triennale mirante a creare specialisti in paesaggi e in gestione delle risorse turistiche relative alla montagna. Il corso si terrà nella sede decentrata di Rieti.

 

Il terzo percorso, infine, sarà quello di Ingegneria meccanica (laurea magistrale), anch’esso frutto della sinergia tra più dipartimenti (Deim, Dafne, Deb e Dibaf).

 

“Tutti e tre corsi – specifica il rettore dell’Università della Tuscia, Alessandro Ruggieri, saranno in grado di fornire competenze importanti ed adeguate ai nostri studenti”.

 

Tra le modifiche apportate ai corsi già attivi, invece, da sottolineare quelle che interesseranno il corso magistrale in Biotecnologie per l’agricoltura e l’ambiente, che andrà ad abbracciare anche l’area della salute. Ulteriori modifiche saranno apportate al corso di studi in Comunicazione, tecnologie e culture digitali; un corso di natura umanistica che verrà irrorato di competenze relative alla cultura digitale.

 

“Tutte le proposte da noi presentate al Ministero dell’Istruzione – afferma il rettore Ruggieri – sono state accolte con entusiasmo. Un risultato, questo, decisamente soddisfacente, che conferma la bontà della nostra offerta formativa”.

 

In ambito di ricerca, l’Ateneo viterbese ha invece visto approvare dalla Regione ben tre progetti su cinque: la “Piattaforma multisensoriale per la gestione innovativa e sostenibile di ecosistemi agroambientali”; “La valutazione della pericolosità geologica per la tutela e la fruizione del paesaggio e del patrimonio culturale: un modello Gis per Ostia antica”; “Innovazioni tecnologiche per migliorare i progetti produttivi e le qualità nutraceutiche e salutistiche dei prodotti di specie vegetale del territorio laziale.

 

Per quanto concerne infine le iscrizioni, il direttore generale dell’Università della Tuscia, Alessandra Moscatelli, ha annunciato che dal 3 agosto prossimo sarà possibile presentare le domande.

 

Diverse le forme di agevolazioni previste: la prima è riservata alle famiglie (10% di sconto per ogni figlio iscritto).

 

Ulteriori riduzioni verranno applicate in base al merito (chi si diplomerà con 100, ad esempio, non pagherà le tasse), alla fidelizzazione (chi consegue la laurea triennale presso l’Unitus potrà accedere alla magistrale con il 20% di riduzione) e all’internazionalizzazione (agevolazione del 10% per chi si iscrive ad un corso di laurea magistrale dell’Università della Tuscia possedendo un titolo di studio conseguito all’estero).

 

Per chi si iscriverà entro il 30 settembre 2015, infine, sarà applicato uno sconto del 10%.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.