Un successo l’apertura del Tuscia in Jazz Big Band Festival, Enrico Mianulli Cool Jazz Orchestra al secondo appuntamento

0

CASTIGLIONE IN TEVERINA – E’ partita con il piede giusto la nuova creatura del Tuscia in Jazz. Il Big Band Festival di Castiglione in Teverina lunedì sera, alla prima, ha fatto il pieno andando oltre ogni aspettativa. Oltre 400 persone hanno assistito al concerto della Philadelphia Jazz Orchestra.

 

I giovani musicisti americani, oltre 40 ragazzi da 14 a 19 anni, hanno regalato ad un pubblico entusiasta un concerto straordinario e di altissimo spessore. Merito del successo va all’amministrazione e alle realtà associative della città tutte, che hanno collaborato e fatto in modo che tutto funzionasse. Un’accoglienza impeccabile per i musicisti e il pubblico nella bellissima location del MUVIS Museo del Vino che per una settimana sarà un piccolo villaggio nel paese con oltre 200 musicisti come protagonisti. Questa sera 14 luglio si bissa con un altro grande concerto e sempre a ingresso libero. Sul palco del festival salirà la Enrico Mianulli Cool Jazz Orchestra con il suo progetto Birth of the Cool che rende omaggio all’omonimo capolavoro discografico di Miles Davis.

 

Enrico Mianulli da tre anni sta portando in giro per l’Italia nei maggiori festival questo bellissimo progetto musicale e ogni volta con grandi ospiti come Fabrizio Bosso, Stefano di Battista, Rosario Giuliani, Rick Margitza e Aldo Bassi. Il progetto nasce dall’amore del contrabbassista per Birth of the Cool di Miles Davis un disco che ha scritto una delle pagine più importanti della storia della musica jazz. Enrico Mianulli usando gli stessi strumenti dell’epoca ha voluto insieme al suo gruppo proporre la famosa registrazione, di una difficoltà incredibile, ricercando anche gli stessi suoni con strumenti dell’epoca. Il 15 luglio sul palco del Big Band Festival sarà il momento di una delle eccellenze della Tuscia la Banda Alceo Cantiani di Ronciglione, vincitrice nel 2013 del 14° Festival Internazionale di Malgrat de Mar (SPAGNA) uno dei concorsi europei più importanti per bande, che al festival, con i suoi 56 elementi diretti dal Maestro Fernando De Santis, proporrà Rapsodia in Blu ed altri grandi brani d’overture.

 

“Sono felicissimo di com’è partito il festival. Dichiara Italo Leali direttore artistico. Quella del Tuscia in Jazz Big Band Festival due mesi fa era solo un ennesima scommesse che la nostra organizzazione faceva su un prodotto nuovo visto che in Europa non esistono eventi simili dedicati alle orchestre, ma grazie al forte spirito di collaborazione che abbiamo trovato nell’amministrazione di Castiglione, le sue associazioni e i cittadini che subito hanno sposato l’iniziativa. Tanto è vero che già stiamo lavorando all’edizione 2016 e uno dei nostri partner stranieri ci ha proposto di promuovere a gennaio a San Diego al raduno nazionale degli educatori jazz americani il Big Band Festival e già stiamo ricevendo adesioni per il prossimo anno. Ora è importante che il pubblico continui a sostenerci come ha fatto in questi giorni.”

 

Il festival continuerà fino al 19 luglio ed il 18 luglio sabato si terrà la lunga notte del MUVIS che partirà alle ore 18.30 con l’Orchestra jazz dell’Università della South Carolina per finire alle ore 02.00 del mattino con una lunga jam session all’aperto con gli artisti del festival. Ospite d’onore quella sera, ingresso 15 euro, alle ore 21.45 la pianista giapponese Chichiro Yamanaka con il suo trio in una delle date del suo European Tour. Quella stessa sera si terrà anche una cena con degustazione di vini e prodotti a km0 con un concerto in accompagnamento del Bass’n’voice duo di Mauro Dolci e Diana Saiu duo.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.