Concluso il gemellaggio tra farnesani e beaumontesi

0

FARNESE – Lunedì tra abbracci e lacrime sono partiti i partecipanti al 22° scambio di ospitalità tra farnesani e beaumontesi. Una signora mentre mi abbracciava per salutarmi ha detto che mai avrebbe creduto che in così pochi giorni si potesse creare un legame così forte con una famiglia appena conosciuta.

 

Non ci sarebbe potuta essere ricompensa più grande al lungo e duro lavoro svolto dai comitati francese e italiano. Quest’anno i partecipanti al gemellaggio sono stati coinvolti nel progetto ON OUR WAY TO EU: A 22 YEARS LONG JOURNEY TOGETHER, SULLA STRADA CHIAMATA EUROPA: FARNESE E BEAUMONT INSIEME DA 22 ANNI. una serie di iniziative che hanno tenuti impegnati non solo le famiglie aderenti al gemellaggio ma anche i cittadini del piccolo centro di Farnese per tre giorni. Venerdì 11 Luglio di buona mattina ci si è recati a visitare l’azienda agricola Mezzabarba e il frantoio. La mattinata è proseguita al giardino pubblico dove si è svolto un dibattito sulla Pac a cui hanno partecipato i sindaci di Farnese M. Biagini e quello di Beaumont de Pertuis J. Natta, l’onorevole A. Terrosi, il Presidente della Coldiretti M. Pacifici, la dottoressa L. Catanesi in rappresentanza del professor R. Valentini consigliere regionale, il Direttore della Riserva Naturale “Selva del Lamone” dott. D. Mantero.

 

La signora Mezzabarba dell’azienda agricola La Poppetta e la signora Clarici dell’azienda agricola Marfisa hanno parlato della loro esperienza nell’utilizzo dei finanziamenti della Comunità Europea. Si è inoltre discusso di tutela dei prodotti, di aiuti all’agricoltura e di altre possibilità di finanziamenti.

 

La mattinata si è conclusa con pranzo sociale a base di prodotti tipici locali. Il pomeriggio è continuato con la presentazione delle associazioni di volontariato locali. Il Presidente del APS Centro Anziani di Farnese, il Presidente della OPS Obiettivo Prevenzione Salute di Farnese e Claudio Bondi rappresentante di “Semi di pace” ONLUS hanno parlato del lavoro svolto nella nostra comunità. L’incontro è terminato con un colpo di scena quando la moglie del sindaco di Beaumont Madame Natta ha preso la parola per annunciare di aver donato del materiale ortopedico per la missione di “Semi di pace” dicendo che “Ciò che è fuori moda in Francia è di moda in Africa”. Se questo non bastasse il presidente del Comitato Gemellaggi di Beaumont Gilles Quérè ha donato all’Associazione un assegno di 300 euro frutto di una raccolta fondi svoltasi a Beaumont quest’inverno. Tutto ciò dimostra che con la collaborazione e la cooperazione tra ipopoli si possono raggiungere grandi risultati.

 

Uno spazio è stato dedicato anche ai ragazzi impegnati in un lavoro che ha per tema “Io e l’Europa”. Il sabato è stato il giorno ludico dedicato al mercatino di prodotti tipici, ai giochi di ruolo tra ragazzi su la conoscenza dell’Europa, alla gara di cucina con ricette di riuso creativo del cibo. La domenica è stata dedicata alla visita del Parco Archeologico di Vulci e nel pomeriggio ai gruppi di lavoro sulla consapevolezza di essere noi l’Europa, sulle iniziative per la cittadinanza. Nonostante questi tre giorni impegnativi che hanno lasciato poco spazio alla vita casalinga ma che hanno regalato moltissimi momenti emozionanti, divertenti e conviviali si è potuto istaurare un legame forte tra famiglie e approfondire la conoscenza dell’Europa dei suoi meccanismi, delle possibilità che offre al cittadino, degli aiuti ma anche dei nostri doveri nei suoi confronti. Al prossimo anno amici beaumontesi, in una Europa sempre più unita, sempre più vicina anche grazie a questi scambi.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.