Il grest della Grotticella festeggia 25 anni (foto)

0

Boom di presenze per la gara della torta più bella e più buona

 

Massimiliano Chindemi

 

VITERBO – Le emozioni, quelle vere e profonde, non hanno età e resistono indenni allo scorrere del tempo. Eppure 25 anni non sono pochi, soprattutto per chi, con costanza ed entusiasmo, si prodiga con tutto se stesso affinché bambini ed adolescenti viterbesi possano vivere l’inizio dell’estate in maniera serena e all’insegna di un sano divertimento.

 

Emozioni e virtù, quelle appena descritte, impersonificate alla perfezione dal Grest della Grotticella, che quest’anno ha festeggiato il suo 25° compleanno. Una festa sentita, quella svoltasi nel tardo pomeriggio di venerdì, celebrata nell’ambito di una delle manifestazioni che, praticamente da sempre, caratterizza l’oratorio della Mazzetta: le gara della torta più bella e più buona.

 

Centinaia le creazioni (preparate dalle mamme degli oltre 200 bambini frequentanti il grest), giunte sul tavolo allestito nel piazzale dell’oratorio, sotto lo sguardo compiaciuto di un Don Pino Curre, parroco della Grotticella, felice di festeggiare i 25 anni del grest con opere dolciarie degne dell’alta pasticceria.

 

Cioccolato, frutta, crema, crostate, tiramisù e morette. Ce n’è davvero di ogni tipo e per tutti i gusti.

 

Tra le oltre 100 creazioni protagoniste della tavolata ce n’è però una in particolare che si distingue per bellezza, presentazione e, soprattutto, per gusto. E’ la torta celebrativa dei 25 anni, rigorosamente fuori concorso, realizzata dalla Maestra Adorna Medori, colonna portante del grest della Grotticella e amatissima da tutti coloro che, all’interno dell’Oratorio Don Alceste Grandori, sono cresciuti e maturati anche grazie ai suoi insegnamenti.

 

Chiamati all’arduo compito di giudicare quale delle tante prelibatezze e opere d’arte sia degna del titolo di torta più bella e di torta più buona, una giuria composta per l’occasione da chi, nel corso di questi primi 25 anni, è stato protagonista attivo del grest e che, dunque, può essere in grado di cogliere il vero spirito della manifestazione meglio di chiunque altro.

 

Per conoscere i numeri delle torte vincitrici, che saranno rivelati da Don Pino, bisognerà attendere la serata conclusiva del 26 giugno, nel corso della quale, oltre a delle coppe, verranno assegnati dei punti pesanti in chiave vittoria del grest, molti dei quali legati proprio all’esito della gara delle torte.

 

In attesa di vivere l’emozionante finale, i bambini (intrattenuti nel pomeriggio dall’esibizione della Faul Judo e dalle note della Fanfara dei Bersaglieri di Viterbo), hanno giustamente colto l’occasione per fare un’autentica scorpacciata di dolci, servitigli in quantità illimitate dalle signore della parrocchia, che da anni forniscono un insostituibile supporto alla buona riuscita della manifestazione.

 

Una manifestazione che, anche quest’anno, ha confermato la sua bontà a 360°, e che celebra nel miglior modo possibile il primo quarto di secolo del grest della Grotticella, a cui di cuore auguriamo altri 25 di questi anni!

 

[nggallery id=72]

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.