Procedure di mobiità nella Clinica S. Teresa e Casa di Cura Villa Rosa, i sindacati: “Posizioni inaccettabili”

0

VITERBO – “Con riferimento all’apertura procedure di mobilità strutture in indirizzo, facendo seguito alle nostre richieste di incontri e chiarimenti a suo tempo formulate e considerato il perdurare dello stato di crisi che da anni investe il settore, ci sembra doveroso far rilevare che nonostante l’impegno ed il sacrificio ininterrotto di tutti i lavoratori, le strutture in indirizzo hanno avviato le procedure di mobilità di cui alla legge ex 223/91. Ci sembrano inaccettabili le posizioni assunte dalle Cliniche di cui sopra in quanto a fronte dei sacrifici fino ad ora imposti ai lavoratori, si vuol continuare a far pagare agli stessi gli effetti di una crisi incomprensibile, inaccettabile e, soprattutto, mai completamente documentata. Tutto ciò premesso, siamo a richiedere, come già fatto in precedenza, i seguenti dati:

 

Pianta Organica come prevista dai DD.RR. per gli accreditamenti in essere;
Dotazione organica effettiva con relative qualifiche d’inquadramento;
Livelli Minimi Essenziali previsti in caso di sciopero;
Livelli Minimi di Accreditamento;
Turni di servizio mensili con relative qualifiche;
Bilanci d’esercizio degli ultimi cinque (5) anni”.

 

Luca Paolocci
Confederale USB Viterbo

 

Aurelio Neri
USB Sanità Viterbo

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.