Arbitri, Serie D: i tre viterbesi superano i test atletici

0

VITERBO – È terminato oggi, venerdì 28 agosto 2015, a Sportilia, il raduno degli arbitri di serie D. La sezione di Viterbo è stata ben rappresentata da “tre moschettieri”, Matteo Centi, Claudio Petrella e Gian Luca Sili (foto), che hanno superato brillantemente i test atletici e sono pronti ad affrontare l’imminente stagione sportiva. Il presidente della sezione di Viterbo dell’Aia, Luigi Gasbarri, si è dichiarato orgoglioso dell’impegno profuso dai suoi tre ragazzi, promossi meritatamente quest’anno in serie D.

 

La commissione che guida gli arbitri di questa categoria, capitanata da Carlo Pacifici, dopo gli eccellenti risultati conseguiti nella stagione 2014-2015, si aspetta nuovamente risultati all’altezza di un campionato interessante.

 

Il secondo giorno di raduno si sono svolti i test atletici sul campo, con i direttori di gara divisi in gruppi che hanno sostenuto le due prove tradizionali: 40 metri di scatto e YoYo test. I tre fischietti viterbesi hanno superato brillantemente i test e sono pronti ad affrontare la stagione sportiva ormai alle porte.

 

Al termine della mattinata è giunta la gradita visita del presidente Marcello Nicchi. Nel suo appassionato intervento, ha ricordato come nella passata stagione gli arbitri siano stati protagonisti positivi dei campionati e, in una fase in cui diversi campionati attendono ancora processi giudiziari per iniziare, nessun arbitro sia stato coinvolto. Il presidente Nicchi ha dato a tutti la precisa disposizione di continuare a mantenere la rettitudine dei comportamenti, così come è stato fatto finora, senza dimenticare la giusta dose di divertimento che deve contraddistinguere le direzioni di gara.

 

Gli arbitri di serie D, durante i quattro giorni di raduno, hanno avuto il privilegio di ascoltare le lezioni e i consigli di arbitri che si sono distinti nella loro carriera, come Pasquale Rodomonti, Paolo Calcagno e Alfredo Trentalange.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.