Che Gran fondo quella di Montefiascone!

0

Pietro Brigliozzi

 

MONTEFIASCONE – La Granfondo riservata alla mountain bike, svoltasi sul territorio di tre comuni (Montefiascone, Bagnoregio e Bolsena), è stata una gara molto entusiasmante per il pubblico che è stato numerosamente presente nei punti più affascinanti ed una gara molto faticosa per gli atleti partecipanti che all’iscrizione sono risultati oltre cinquecento; un numero mai raggiunto negli anni passati. All’arrivo, dopo aver percorso ben quarantuno Kmetri, sono arrivati al traguardo quasi tutti i partenti ad eccezione di una decina che si sono fermati alcuni per guasti tecnico-meccanico, altri per piccoli traumi riportati in alcune cadute di poco rilievo che, purtroppo, sono parte di rischio della competizione stessa.

 

La gara era divisa in tre categorie: quella maschile ove Davide Di Marco del team Bike Civitavecchia, ha conquistato il primo posto; quella femminile ove Alessia Bulleri della Forestale Cicli Olympia Vittoria si è imposta su tutti conquistando la prima posizione; e quella dei elite master sport ove ha primiereggiato Federico Priante del Centro Italia Bike Montanini. Nella terza categoria ottima e da sottolineare, è stata la prova dei ragazzi locali della MTB Montefiascone che con Alessandro Carloni hanno conquistato la seconda posizione, con Luca Cesarini hanno guadagnato la terza posizione e con Stefano Sensi hanno meritato il quarto posto.

 

La gara ha avuto inizio intorno alle nove e trenta ed è terminata, intorno alle ore dodici sulla caratteristica P.zza V. Emanuele, punto focale del centro storico. Buona la media portata da tutti gli atleti che ha oscillato, relativamente alle varie categorie, dai sedici ai ventuno kmetri orari; la più alta quella dei maschi con ventidue Kmetri, la più bassa quella femminile con quindici kmetri; buona quella degli elite master(ragazzi) con diciannove kmetri.

 

Una gara che ha dovuto affrontare tre salite abbastanza impegnative: quella sulla strada S. Pietro-Coste lunga circa due kmetri e cento metri, quindi quella della Mentuccia lunga anch’essa due kmentri e cento metri, infine quella del Roiano lunga due kmetri e trecento metri. Nel percorso vi sono state anche discese molto impegnative tra le quali vanno sottolineate quella che dalla chiesetta di S. Pancrazio porta al fondo valle e quella che da Monte d’oro porta al fondo valle dopo aver percorso la strada della chiesetta di S. Maria.

 

Un percorso molto variegato completamente costituito da strade di campagna dal fondo in terra battuta, molto spesso breccioso e sconnesso ove la polvere si alza in nuvole rendendo difficile anche la respirazione dei corridori.

 

La gara valevole come sesta prova, è sempre inserita nel circuito MTB della Maremma Tosco-Laziale; essa è un riferimento di grande prestigio per la mountain bike del centro Italia. Questa, come già accennato, è la undicesima edizione che è stata organizzata dalla scuola MTB di Montefiascone attraverso il suo capitano Ulderico Catteruccia in collaborazione con l’Associazione per l’EST! EST!!EST!!! senza dimenticare il contributo logistico-operativo di Sandro Fetoni che di questa manifestazione è uno degli attori principali. L’albo d’oro della Granfondo, per dovere di cronaca, contempla che nell’anno duemila vinse Massimo Folcarelli; nel duemiladieci Davide Di Marco per i maschi e Sabrina Di Lorenzo per le donne; nel duemilaundici Roberto Crisi e Vania Rossi; nel duemiladodici David Di Marco e Vania Rossi; nel duemilatredici Davide Di Marco e Maria Adele Tuia; nel duemilaquattordici Angelo Mirtelli e Maria Cristina Nisi; nel duemilaquindici ancora Davide Di Marco e Alessia Bulleri. Da notare come il Di Marco sia il gran matador di questa competizione.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.