Il Vi.Va. calcio accende il motore. Patrizi: “Puntiamo sui giovani”

0

VIGNANELLO – Alla ricerca delle conferme della scorsa stagione. Il filo conduttore del discorso nel quartier generale del Vi.Va. calcio si assesta sull’esperienza di un passato inevitabilmente necessario per guardare al futuro e nel contempo utile per migliorare il “domani”. Gianni Patrizi, al sedicesimo anno di panchina (il terzo alla guida del Vi.Va. calcio, gli altri trascorsi al timone della Valleranese) ragiona sul presente della squadra cimina nell’immediato post della prima seduta di allenamento della nuova stagione, gestito in collaborazione col preparatore della squadra, e allenatore in seconda, Valerio Minella.

 

Un primo anno di vita vissuto in maniera più che egregia al debutto nel campionato di Promozione. Ecco, proprio forti dell’esperienza dello scorso anno, quali sono gli obiettivi del Vi.Va. calcio per la stagione che per voi, ufficialmente, è partita oggi?
«Indubbiamente migliorarsi anche se è difficile, poiché reputo l’immaginabile girone più equilibrato dello scorso anno. Comunque l’obiettivo principale rimane la salvezza, da ottenere quanto prima».

 

Che tipo di mercato avete fatto? Le regole sono chiare, bisogna puntare sui giovani…
«Sì, è vero, appunto abbiamo puntato molto sui giovani , la squadra ha una età media molto bassa pur mantenendo un’ossatura di esperienza, vedi elementi come Sbarra, Mazzucco, Stefanucci, Mastrangeli, Moroni…».

 

Quanto può contare il settore giovanile, e in questo caso intendo la formazione juniores, per la prima squadra? Possono rappresentare già oggi, alcuni juniores del Vi.Va. calcio, l’immediato futuro?
«Può contare molto, basti guardare la lista dei nostri convocati per la preparazione per rendersi conto di quanti juniores sono aggregati. Sono molti, e penso anche che ci sia qualcuno pronto per il grande salto. Qualcuno che magari può un po’ difettare in personalità. Ma solo giocando a pallone ci si può migliorare».

 

Si ipotizza un girone allargato, nel senso che potrebbero far parte del vostro raggruppamento, oltre a quelle di Civitavecchia, anche altre squadre della linea litoranea, dalla Pescatori Ostia al Palocco, dall’Aranova all’Atletico Ladispoli. Secondo lei, ferme restando queste ipotesi, potrebbe essere un campionato più ispido rispetto a quello scorso?
«Sicuramente sarà un campionato più equilibrato e appunto per questo lo reputo più difficile. Facilmente ci si può trovare in alta quota, ma altrettanto facilmente si può scivolare verso il fondo della classifica».

 

Lo scorso anno il Vi.Va. calcio, nonostante una buona annata, ha vissuto qualche deficit nella fase offensiva, per un motivo o per l’altro le sono venuti a mancare gli attaccanti. Si può immaginare, per la stagione 2015/2016 un campionato con meno patemi d’animo per quel che riguarda la fase offensiva?
«Me lo auguro e lo spero fermamente, l’anno scorso credo non possa far testo, ci sono stati troppi infortuni nel reparto avanzato. Ercolini, per esempio, non l’ho quasi mai avuto a disposizione; poi, fortunatamente, con l’arrivo nel mercato invernale abbiamo preso Groos e qualcosa è migliorato. Ma poi abbiamo perso anche lui per infortunio, e lo stesso Groos ha finito con un paio di mesi d’anticipo il campionato, così come Minella, che oltre tutto è stato il nostro bomber. Insomma, l’anno scorso per il reparto offensivo è stato un anno disgraziato. Adesso con l’arrivo dei nuovi Mechilli, Adolini , la conferma di Cavalieri, la crescita di Foglietta e Nardi penso e spero che miglioreremo sotto quell’aspetto. Basta però che sfortuna non ci perseguiti».

 

Ringraziamenti speciali? Auguri per un buon campionato?
«Visto che ormai abbiamo appena cominciato la nuova stagione agonistica con il primo giorno di preparazione già alle spalle, vorrei augurare agli addetti ai lavori una buona stagione all’insegna della competizione più sana e più bella. Ma soprattutto senza violenza, nel rispetto delle regole e nel rispetto di tutti. Vinca il migliore».

 

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.