“Io allenatore della Viterbese? Forse no”

0

Massimiliano Chindemi

 

VITERBO – Chi sarà il nuovo allenatore della Viterbese? Ancora qualche ora e il patron gialloblù Piero Camilli svelerà finalmente l’arcano, mettendo fine allo spassoso balletto dei nomi andato in scena nelle ultime ore. Da Alberto Mariani a Giuseppe Ferazzoli, passando per Antonello Cuccureddu, sono state molteplice le ipotesi concentratosi tra le 14 e le 17 di martedì pomeriggio.

 

Un balletto a cui ha messo la parola fine il nome che non ti aspetti: quello di Marco Cari (foto) ex portiere della Viterbese negli anni ’70.

 

Il profilo non è esattamente quello preannunciato dal patron Piero Camilli (che aveva parlato di un giovane rampante), ma il nome di Marco Cari, che in carriera ha allenato in Lega Pro squadre di un certo spessore come Perugia, Taranto e Arezzo, lascia in ogni caso ben sperare, non lasciando dubbio alcuno sulle qualità del tecnico.

 

Sul fatto che Cari andrà a sedersi sulla panchina dei gialloblù restano in ogni caso ancora dubbi. Nel pomeriggio di martedì mister Cari si è infatti presentato allo stadio Rocchi per incontrare il patron gialloblù Camilli; al termine del confronto però, l’allenatore, fermato a bordo della sua macchina all’uscita dell’impianto della Palazzina (foto in apertura), ha rilasciato poche parole tutt’altro che ottimiste: “Non ho molto da dire, se non che ho fatto una bella passeggiata che mi ha portato fino a qui”. Ma sul fatto che possa tornare presto al Rocchi, Mari è stato laconico: “Forse no”.

 

Da ciò che si può intuire restano dunque ancora dei punti interrogativi da risolvere, che potrebbero essere decisivi per l’ingaggio, o meno, del tecnico di Ciampino.

 

Interrogativi a cui il patron Piero Camilli, fermato anch’egli all’uscita del Rocchi, assicura verrà data una risposta entro mercoledì pomeriggio.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.