La scuola Pietro Egidi Viterbo 6^ alle finali nazionali di Palmanova

0

VITERBO – Nella splendida cornice dei prati adiacenti ai bastioni difensivi della città di Palmanova, in provincia di Udine, si sono svolte le finali Nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi di Corsa Campestre a cui ha partecipato, in rappresentanza della Regione Lazio, la scuola Pietro Egidi di Viterbo, qualificatasi per questa finale dopo aver brillantemente vinto le fasi regionali.

 

I ragazzi si sono ben comportati conseguendo un buon sesto posto finale su 21 squadre giunte da tutte le regioni d’Italia per contendersi il titolo di campione nazionale. Axiel Todja, Michele Masini, Andrea Oriolesi e Marco Vincenti, si sono fatti valere ma soprattutto si sono fatti trovare pronti in una gara molto agguerrita, dove le squadre del nord Italia l’hanno fatta da padrona, basti pensare che i nostri si piazzano dopo le squadre della Lombardia, Toscana, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, ma davanti a compagini molto blasonate come quelle provenienti da Genova, Trieste, Trento, e Napoli. I nostri, che gareggiavano nelle categoria cadetti, gara riservata alle scuole secondarie di primo grado, si sono ben “districati” in una gara affollata che vedeva al via circa 140 partecipanti; in particolare, Aiel Todja il migliore della formazione giunto 24°, seguito da Andrea Oriolesi, Marco Vincenti e Michele Masini nell’ordine, per un sesto posto finale che ripaga la scuola Egidi del buon lavoro svolto nel campo delle Scienze Motorie.

 

La Dirigente Scolastica Loretta Bucciotti, nel complimentarsi con tutti i ragazzi, ha sottolineato che “da anni la nostra scuola ha posto la sua attenzione nelle attività motorie in quanto veicolo di integrazione e valorizzazione nonché di formazione dei propri studenti, e attualmente si può affermare che il nostro Istituto è uno dei punti di riferimento, al pari di altri Istituti, dello sport scolastico viterbese”.

 

 Andrea Oriolesi, Axiel Todja, Marco Vincenti, Michele Masini

Andrea Oriolesi, Axiel Todja, Marco Vincenti, Michele Masini

 

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.