Per la Defensor sfida casalinga con Salerno

0

VITERBO – Tre giorni dopo la gara persa a Brindisi, la Defensor torna a giocare per sfidare, in questo sabato pomeriggio al PalaMalè, la formazione campana della Carpedil Salerno. Si tratta del primo impegno del girone di ritorno per il campionato di serie A2 femminile che, da questo week-end, inizierà quindi la frenetica corsa verso l’assegnazione dei posti per la seconda fase.

 

Quello contro Salerno sarà un match molto delicato per la Defensor, chiamata a riscattare il ko subito nel giorno dell’Epifania e bissare l’affermazione dell’andata, quando espugnò per 74-47 il parquet salernitano con una prestazione super di Giulia Ciavarella, autrice di 28 punti.

 

Salerno è, insieme ad Ancona, una delle due formazioni che occupano l’ultima posizione della graduatoria e, proprio come accaduto per Brindisi, sarà quindi animata dal desiderio di conquistare punti preziosi per evitare la retrocessione.

 

La squadra, guidata in panchina da Pietro Di Capua, è costituita da un gruppo di giocatrici italiane giovanissime e talentuose, tutte sotto i 20 anni, che sfruttano il doppio tesseramento con Battipaglia in serie A1 per allenarsi forte in settimana e accumulare tanti minuti importanti in A2. Si tratta di un gruppo in crescita rispetto al via della stagione, come dimostrano il recente successo contro Civitanova Marche e l’ottima prova contro Bologna, vittoriosa solo nel finale dopo essere stata sotto per quasi tutto il match.

 

Tra le giocatrici di maggior valore la play/guardia Russo, oltre 12 punti di media, la pivot Costa, 12,7 punti e quasi 9 rimbalzi per gara, la guardia De Mitri(6,6 punti) e la play Rauti (5,5 punti in meno di 20 minuti di media), tutte giovani di sicura prospettiva anche per la serie A1.

 

In casa Defensor si sta lavorando a fondo per il recupero di Lorenza Spirito (foto); alla play, a referto ma non utilizzabile a Brindisi, il tecnico Carlo Scaramuccia chiederà di stringere i denti per garantire minuti importanti: “Abbiamo bisogno che possa essere in campo – commenta il coach viterbese – ma, a prescindere dalla sua presenza, è l’atteggiamento di tutta la squadra che deve cambiare. Non voglio rivedere gli errori commessi mercoledì, voglio una squadra che faccia le scelte giuste e giochi con la necessaria intensità perché in questo campionato nessuno ti regala nulla. Umiltà e concentrazione, queste dovranno essere le nostre armi migliori”.

 

La palla a due è prevista alle 18,30 e la coppia arbitrale sarà composta da Cristina Mignogna di Milano e Sara Canali di Gandino (BG).

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.