World Rugby Classic, ottima prestazione per Simon Picone

0

VITERBO – Nella partita d’esordio ottima prestazione per Simon Picone (da quest’anno nello staff degli allenatori dell’Union Rugby Viterbo) e compagni alla World Rugby Classic, la coppa del mondo di rugby giocata da giocatori che in passato hanno vestito la maglia della propria nazionale, che si sta disputando nelle Bermuda. Ieri l’IDP Italian Classic ha sfiorato l’impresa contro i Classic All Blacks. Dopo un primo tempo finito zero a zero, l’Italia passa in vantaggio con un drop e un calcio di punizione di Ramiro Pez (mediano di apertura della nazionale azzurra con 40 caps e oltre 250 punti segnati tra il 2000 e il 2007) ed a metà del secondo tempo conduce per 6 a 0.

 

Ma i campioni del mondo in carica non ci stanno a perdere e nei dieci minuti finali segnano due mete, con Johnny Weslow trasformata da Brendan Laney e Kelvin Middleton, fissando il risultato finale sul 6 a 12. Simon Picone, che è stato nominato Man of the Match, ci ha raccontato la sua esperienza: “Il posto è un paradiso terrestre ma il bello di questo torneo è lo spirito di competizione in campo e l’amicizia fuori. Siamo 6 squadre su 8 nello stesso albergo, mangiamo insieme, spiaggia e piscina insieme durante il giorno, e poi in campo ci legnamo per 60 min. Partita dura giocata a viso aperto. Noi abbiamo difeso parecchio e bene, loro hanno provato il primo tempo a muovere
palla ma non sono riusciti a fare niente. Il secondo tempo hanno giocato molto con gli avanti e hanno fatto 2 mete di pick and go. Noi abbiamo alternato bene gioco alla mano e al piede ed è mancata solo la meta”.

 

Prossimo incontro degli Azzurri giovedì 12 quando in Italia saranno le 22:45 contro le Classic Eagles, la vecchie glorie degli USA, che sempre ieri hanno perso contro i Classic Springboks (il Sud Africa) per 24 a 12.

 

Risultati delle partite giocate:

 

Argentina 14 – France 12
Classic Lions 43 – Canada 7
South Africa 29 – U.S.A. 12
Classic All Blacks 12 – Italy 6

 

IMG-20151110-WA0013

 

9766920_orig

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.