Sutri, turismo in crescita

0

 

SUTRI – “Questo paese dove sono nato, ho creduto per tempo, che fosse tutto il mondo. Adesso che il mondo l’ho visto davvero e so che è fatto di tanti piccoli paesi, non so se da ragazzo mi sbagliavo poi di molto.”

Abbiamo preso in prestito questa splendida riflessione di Cesare Pavese per aprire un incontro pubblico rivolto alla nostra comunità e ritornare a parlare insieme di turismo. E l’abbiamo fatto con orgoglio e soddisfazione per condividere un dato ormai certo: la nostra Antichissima Città è nuovamente meta di un flusso enorme di pellegrini e visitatori come ai tempi di un lontano e buio (che poi tanto buio non fu) Medioevo, quando Sutri rappresentava l’ultima e più significativa tappa sulla grande arteria d’Europa, la Via Francigena.

L’impennata avvenuta in questi ultimi due anni ha fatto registrare un aumento sbalorditivo di presenze presso il nostro efficiente ufficio turistico, tanto da dover incrementare orario e servizi.

Qualche dato: 68% in più all’anno, in testa tra gli stranieri francesi, tedeschi, inglesi con la new entry degli Australiani e neozelandesi e il doppio degli italiani che riscoprono le proprie bellezze.

Quali sono gli ingredienti di questo desiderato successo?

L’attenzione particolare all’accoglienza multilingue e competente; lo sviluppo di filoni turistici mirati, archeologico, enogastronomico, giubilare e ora anche cineturistico; il nuovo modo di gestire e valorizzare il patrimonio con comunicati e pubblicità continua e l’aumento dell’impegno economico destinato a questo settore.

Ma c’è forse un elemento alla base di ogni piccolo passo fatto in avanti, e allora dobbiamo ritornare alle parole di Cesare Pavese: la consapevolezza, riacquisita di possedere delle bellezze uniche, un mondo, da mostrare fieramente ad ogni visitatore.

È con questo spirito che ci accingiamo ad attendere martedì 6 settembre i numerosi pellegrini che giungeranno qui a Sutri sui “Cammini del Lazio” seguendo un progetto della Unioncamere Lazio che ha voluto ritrovare e riproporre le più belle tappe della Tuscia.

Saremo qui tutti insieme, rappresentanti istituzionali, guide ufficiali, associazioni del territorio e cittadini, ad accoglierli, oggi come ieri, quando scorgeranno il nostro fiero campanile romanico e il tufo che avvolge ogni nostro antichissimo monumento”.

Il Sindaco Guido Cianti
L’Assessore al Turismo Martina Salza

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.