Guida con la scatola nera “taroccata”, denunciato

0

 

TARQUINIA – Gli uomini della Polizia di Stato della Polizia Stradale in servizio presso il Distaccamento di Tarquinia ha sorpreso un camionista di 38 anni intento a guidare il proprio autotreno con il cronotachigrafo digitale “taroccato”.

La cosiddetta “scatola nera dei TIR” era stata manomessa con un magnete per alterare le registrazioni dell’apparecchiatura, permettendo all’autista di risultare a riposo, mentre in realtà stava guidando. Gli agenti, in pattuglia sulla nuova tratta dell’A12 Civitavecchia-Tarquinia, insospettiti da alcune manovre effettuate da un mezzo pesante, gli intimavano l’alt e, ponendo in essere alcuni accertamenti, riuscivano a smascherare il sistema truffaldino adottato dal camionista.

Questo stratagemma crea gravi pericoli alla circolazione perché, da un lato consente al conducente di poter guidare per molte ore senza riposarsi, considerato che la calamita altera le registrazioni dei tempi di guida e di riposo, certificati dal tachigrafo digitale e dall’altro rende inefficiente il sistema frenante ABS del medesimo mezzo.

Gli operatori di polizia, pertanto, dopo aver accertato la manomissione, hanno elevato nei confronti dell’autista del camion una sanzione pari ad euro 1.960, gli hanno sospeso la patente di guida e lo hanno denunciato all’A.G.

Le pattuglie della Polizia Stradale sono costantemente impegnate nel controllo di quei “mezzi pesanti” che possono causare pericolo per la circolazione stradale e che possono dar luogo a situazioni di “concorrenza sleale” a danno di altre ditte di trasporto che, invece, rispettano le regole.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.