Tarquinia, il 16 settembre serata astronomica

0

 

TARQUINIA – “Torna di scena la Scienza a Tarquinia con il Gruppo Astrofili Galileo Galilei con un appuntamento denso di curiosità, storia e meccanica celeste con un evento che metterà in risalto l’eclissi di Luna di penombra che sarà visibile in Italia il 16 settembre 2016.

Appuntamento dalle 17,45 alla sala conferenze dell’Università Agraria di Tarquinia in via Giuseppe Garibaldi 17 con una conferenza sulle eclissi parziali o totali di Luna e di Sole, cosa si nasconde dietro la meccanica celeste che porta all’osservazione di questi fenomeni astronomici che tanto nell’antichità hanno turbato e impressionato gli osservatori.

Il relatore, stimato astrofilo a livello nazionale e coordinatore di LazioStellato.org, dott. Valerio Ricciardi, ci guiderà in maniera semplice ed esaustiva sui meccanismi di dimensioni e distanze che portano al fenomeno delle eclissi e sul perché già in epoca antica gli astronomi siano stati in grado di prevederne i futuri eventi.

Inoltre, al termine dell’incontro, parleremo del problema dell’Inquinamento Luminoso e ci accorgeremo di come non riguardi solo la comunità scientifica ma tutti i cittadini del pianeta.

Dalle ore 20, tutti all’Alberata Dante Alighieri per l’osservazione diretta della eclissi di penombra di Luna con gli strumenti messi a disposizione dal Gruppo Astrofili Galileo Galilei, telescopi riflettori fino ai 32cm di apertura e binocoli saranno presenti per allietare i presenti su un fenomeno che regalerà sicure emozioni.

La serata, totalmente gratuita e aperta a tutti, sarà dedicata alla memoria di Pierangelo Bellini, professore di matematica e scienze e astrofilo dalla profonda preparazione tecnica e divulgativa recentemente scomparso.

Un ringraziamento particolare va agli enti patrocinatori dell’evento, il Comune di Tarquinia nella persona del sindaco Mauro Mazzola e l’Università Agraria di Tarquinia nella persona del Presidente Alberto Blasi”.

Il Presidente
Antonio Giarrusso

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.