Il tarquiniese Marco Pizziconi campione italiano di paracadutismo

0

 

TARQUINIA – Un tarquiniese sul podio più alto del paracadutismo italiano. L’Appuntato Scelto dei Carabinieri Marco Pizziconi, nativo di Tarquinia ma da anni trapiantato in Toscana, è salito sul podio più alto del campionato italiano, specialità “Precisione in atterraggio”.

Una gara molto particolare, in quanto i paracadutisti devono cercare di atterrare il più vicino possibile a un bersaglio prestabilito. Inoltre, Pizziconi si è classificato al secondo posto nella combinata delle discipline classiche stile e precisione.

Il trionfo del parà tarquiniese si è celebrato sabato 9 e domenica 10 luglio 2016, sull’aeroporto di Ravenna, presso la scuola di paracadutismo “Pull Out”, dove si sono svolti i campionati italiani.

L’Appuntato Scelto dei Carabinieri Marco Pizziconi, è atterrato perfettamente sul bersaglio in ben sette lanci e nei restanti tre ha accumulato solo 6 centimetri di penalità. Secondo il Caporale Maggiore Capo Scelto Francesco Gullotti dell’Esercito, ex campione del mondo militare con 10 centimetri di differenza e terzo il Primo Maresciallo Luogotenente Giuseppe Tresoldi, sempre dell’Esercito e anche lui ex campione del mondo, con un distacco di 11 centimetri.

Nella classifica a squadre si è classificata prima quella dell’Esercito, seguita a un solo centimetro di differenza dalla squadra del Centro Sportivo Carabinieri, terza la squadra della Scuola Nazionale Blusky formata da paracadutisti civili.

Il Carabiniere Paracadutista Marco Pizziconi è nato a Tarquinia il 16 maggio 1976, è sposato con due figli.

Ha al suo attivo 3112 lanci e presta servizio presso la sezione paracadutismo sportivo del Primo Reggimento Carabinieri Paracadutisti “Tuscania”.

“Siamo orgogliosi che un tarquiniese abbia raggiunto questo eccellente traguardo – dichiara il presidente della sezione Anpd’I di Tarquinia, Giulio Maria Ciurluini – lo aspettiamo presto in sezione per festeggiare tutti insieme l’ambito premio.”

il trionfo di Pizziconi festeggiato dai commilitoni

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.