“Viterbo, la città delle buche non riparate e della vegetazione incontrollata”

0

 

VITERBO – “Quando si dice che il “verde” abbellisce la città, si dice una cosa giusta ma se, poi, a questo verde non fa seguito la necessaria cura e un minimo di manutenzione, succede che il bello diventa una cosa sgraziata e finanche di intralcio per tutti coloro che sono costretti a transitare su un vero e proprio percorso ad ostacoli, come sta accadendo ai residenti del quartiere santa Barbara, dove alcuni marciapiedi sono del tutto impraticabili per i rami degli alberi cresciuti a dismisura e mai potati che, immancabilmente, continuano a caderci sopra creando i presupposti per compiere vere acrobazie che non tutti sono in grado di effettuare.

 

Altra perla dell’Amministrazione Michelini, già fortemente criticata nei giorni scorsi persino da alcuni sindacalisti indispettiti per l’inqualificabile andazzo in cui versa la città, è rappresentata dai numerosi cartelli stradali che indicano il limite di velocità di Km 30 per i pericoli alla circolazione causati dalle condizioni disastrose di quasi tutte le strade di Viterbo per la presenza di buche e crepe di ogni tipo.

 

Insomma, una città in balia del disinteresse e dell’approssimazione politica, dove anche le cose più semplici e di ordinaria amministrazione passano in secondo piano rispetto alle tante banalità dibattute a Palazzo dei Priori e dove le tante difficoltà che i viterbesi devono sopportare, restano invisibili agli occhi del Sindaco, forse perché già impegnato su altri fronti, come il sostegno del “SI” al referendum costituzionale in rigida osservanza alle prescrizioni renziane”.

 

Paolo Barbieri e Roberto Talotta
Direttivo Comunale di FondAzione per la Tuscia

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.