10 mila euro per le minimacchine di Santa Rosa

0

Massimiliano Chindemi

 

VITERBO – Un contributo economico di 10 mila euro annui (per tre anni) da ripartire in parti uguali tra le tre minimacchine di Santa Rosa. E’ questa la principale novità annunciata nel corso della mattinata di martedì in merito ai tre eventi che, ogni anno, vedono protagonisti i giovani facchini di Santa Rosa della nostra città. Una somma, quella che il Comune di Viterbo andrà a stanziare, certamente apprezzabile e che sarà in grado di dare supporto agli sforzi economici sostenuti ogni anno dai tre comitati.

 

“Come Comune – afferma l’assessore Giacomo Barelli – avremmo anche in mente di promuovere i tre eventi attraverso un unico manifesto, avviando così un processo che veda i tre quartieri in cui si svolgono gli eventi lavorare in rete per far crescere le suddette manifestazioni”.

 

“Le tre minimacchine – aggiunge la consigliera Maria Rita De Alexandris – costituiscono un vero e proprio patrimonio della nostra città. I bambini sono il nostro futuro e il farli crescere con i valori insiti nella figura del facchino devoto a Santa Rosa è un qualcosa di impagabile”.

 

Decisamente soddisfatto per l’annuncio del contributo anche il presidente del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa, Massimo Mecarini: “Il riconoscimento del Comune – commenta – rappresenta un primo grande passo per la crescita della festa di Santa Rosa. In merito alla rete delle Macchine dei quartieri ritengo che l’idea sia da perseguire. Per il momento potremmo avviare il tutto partendo dalle manifestazioni del Centro storico, del Pilastro e di Santa Barbara, ma in futuro non escludo il coinvolgimento delle macchine di Maria SS. Liberatrice e del Gonfalone”.

 

Reazioni ovviamente positive sono state registrate da parte degli esponenti dei tre trasporti. “Questo finanziamento – sottolinea Lucio Laureti, in rappresentanza della minimacchina del centro storico – ci darà una boccata d’ossigeno che ci consentirà di far fronte in maniera più serena alle tante spese da sostenere, prima fra tutte quella relativa alla costruzione della nuova minimacchina, realizzata per festeggiare il nostro 50° trasporto”.

 

Decisamente entusiasta si è detto anche Pino Loddo, responsabile del trasporto del Comitato del Pilastro: “Il supporto del Comune – spiega – rappresenta un qualcosa di importante. Per me, che non ho potuto fare il Facchino per problemi di salute, guidare i facchini del Pilastro è tutto, e il sapere questo splendido evento potrà contare su un ulteriore supporto economico non può che rendermi felice”.

 

“Plaudo all’iniziativa dell’amministrazione – afferma il presidente onorario del comitato del Pilastro, Luigi Maria Buzzi – poiché attraverso questo contributo le minimacchine potranno lavorare e progredire con maggiore tranquillità. A mio avviso, ogni volta che l’amministrazione comunale aiuterà queste realtà a crescere, farà senza dubbio qualcosa di buono, a prescindere dal colore politico della stessa”.

 

“Per noi di Santa Barbara che abbiamo iniziato da poco – conclude Diego Terzoli – questo finanziamento risulterà davvero molto utile. Riguardo alla rete delle macchine dei quartieri non posso che essere concorde. La competizione rionale non deve esistere; ciò che invece esiste e che dovrà sempre prevalere su tutto dovrà essere solo ed uncamente la fede nella nostra Santa”.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.