Costringe la convivente a prostituirsi, arrestato

0

 

VITERBO – Controlli straordinari dei carabinieri del comando Provinciale di Viterbo impegnati per garantire ai cittadini un fine settimana più sicuro. Oltre 150 uomini in più di 70 pattuglie, tra cui i militari dei nuclei Ispettorato del Lavoro e Antisofisticazioni e Sanità di Viterbo, sono stati impiegati nei servizi di prevenzione generale, intensificati in tutta la provincia con lo scopo di contrastare i fenomeni delinquenziali più ricorrenti e che ingenerano maggiore insicurezza.

Nei controlli delle principali arterie viarie, delle località turistiche, del litorale, dei laghi e dei luoghi di maggiore aggregazione tra cui locali notturni e discoteche, i carabinieri hanno effettuato 6 arresti, 19 denunce, 16 segnalazioni per uso personale di stupefacenti. Sequestrati 135 g di droghe, un’autovettura e numerosi arnesi da scasso. 90 le perquisizioni effettuate, 623 le persone identificate, 435 gli autoveicoli controllati con 36 contravvenzioni al codice della strada, oltre 10.000 euro di somme verbalizzate, 3 documenti di circolazione e 2 patenti ritirate.

A Farnese i carabinieri del Nucleo Investigativo del comando Provinciale hanno arrestato un idraulico del posto di 53 anni con precedenti di polizia. Dopo un prolungato servizio di osservazione i militari hanno perquisito la sua abitazione dove hanno trovato e sequestrato tre involucri in cellophane contenenti complessivamente circa 20 g di cocaina, una bilancia elettronica di precisione e materiale utilizzato per il taglio ed il confezionamento in dosi dello stupefacente. L’uomo si trova ora agli arresti domiciliari.

Sempre i carabinieri del Nucleo Investigativo hanno denunciato in stato di libertà per spaccio di stupefacenti una coppia di conviventi 45enni di Viterbo, entrambi pregiudicati. Dopo aver tenuto d’occhio i movimenti della donna per qualche ora, i carabinieri l’hanno bloccata all’interno delle scale del condominio in cui abita prima che riuscisse a cedere la droga ad un acquirente, trovandola in possesso di due involucri di cellophane trasparente contenente un grammo circa di eroina. Nell’appartamento della coppia i carabinieri hanno poi sequestrato altri 5 grammi della medesima sostanza, suddivisa in dosi, materiale per il taglio ed il confezionamento dello stupefacente e la somma contante di oltre 500 ritenuta essere il provento dello spaccio della droga.

Sempre a Viterbo, ma questa volta ad opera dei carabinieri della locale Compagnia, un pregiudicato romeno di 29 anni è stato sottoposto a fermo, indiziato di delitto per sfruttamento della prostituzione. I militari hanno accertato che il giovane con ripetute minacce e violenze aveva costretto la propria convivente, una connazionale di 27 anni a prostituirsi nella stessa abitazione in cui vivono.

Gli stessi militari hanno inoltre arrestato per tentato furto un pregiudicato viterbese di 31 anni sorpreso all’interno del parcheggio del bowling mentre forzava la serratura di una autovettura in sosta, per maltrattamenti in famiglia un pregiudicato viterbese di 45 anni in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Viterbo e per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un dominicano di 26anni residente a Viterbo, trovato in possesso di 7 grammi di cocaina, suddivisa in dosi, e di tutto l’occorrente per pesare e confezionare lo stupefacente.

Ancora per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti è stato arrestato e condotto ai domiciliari un operaio 50enne di Civita Castellana a cui i carabinieri della locale Compagnia hanno sequestrato 14 grammi di cocaina, 52 di hashish e 2.240 euro in contanti.

In stato di libertà sono stati, invece, denunciati: per evasione un 25enne viterbese con precedenti di polizia che, già agli arresti domiciliari, si era allontanato dalla propria abitazione senza autorizzazione; per ricettazione un pregiudicato 60enne di Soriano nel Cimino trovato in possesso di parti di un motociclo delle quali era stato denunciato il furto.

Sul fronte dei controlli ai locali pubblici, i militari del NORM della Compagnia di Viterbo insieme ai colleghi del NAS hanno elevato contravvenzioni a carico di un bar del centro per la mancanza dei requisiti generali

in materia d’igiene e per il mancato rispetto del divieto di fumare all’interno di una discoteca del capoluogo.

Un foggiano di 72anni è stato denunciato dai carabinieri della Stazione di Capodimonte per aver rubato, sul litorale del lago di Bolsena, una borsa contenente attrezzatura varia per pesca sportiva per un valore di 750 euro che è stata recuperata e restituita al suo proprietario. I militari della Stazione di Grotte di Castro hanno, invece, denunciato un romano di 19 anni per aver rubato una ruota da un’auto in sosta e un’impiegata ucraina di 39anni che, contravvenendo alle prescrizioni del giudice impartite in sede di separazione legale, ha impedito ai familiari dell’ex coniuge di incontrare il figlio minore della coppia. Ad acquapendente un giovane romeno di 21anni, proveniente da un campo nomadi della Capitale è stato denunciato dai carabinieri del posto per aver sottratto con destrezza una cover per telefono cellulare ad un coetaneo.

A Tarquinia, i carabinieri dell’Arma locale, hanno denunciato un pregiudicato 37enne perché nel corso di perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di un televisore a led acquistato con una carta bancomat risultata rubata.

Due donne, con precedenti di polizia, di 57 e 41 anni, sono state denunciate dai carabinieri di Vignanello che le hanno soprese a rubare un ingente quantitativo di castagne da un terreno privato.

A Orte i carabinieri della locale Stazione hanno denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti 6 ragazzi, tre italiani e tre romeni di età compresa tra i 16 ed i 24 anni sequestrando circa 6 grammi di marijuana.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.