Giochi per bambini a Valle Faul? Ecco la verità…

0

 

VITERBO – Agli amministratori comunali viterbesi molto probabilmente verrà assegnato il premio “Pinocchio d’Oro” per le promesse non mantenute che riescono a sciorinare.

L’assessore Ricci potrebbe essere il primo premiato della serie. Vi domanderete perché? Ebbene quando a Valle Faul comparve uno insieme di giochi messi in maniera infelice e disgraziata, che fece scatenare l’ira di tanti viterbesi, Ruspantino di Viterbo civica ci tirò fuori un bel filmato satirico, l’assessore affermo: ”Si tratta solo di una sistemazione momentanea, l’area infatti ora è chiusa da una recinzione e inagibile ai non addetti . E’ mia intenzione spostarla al più presto, quei giochi verranno messi altrove. Ne parlerò con il dirigente e definiremo tempi e luoghi”.

Per sbugiardare l’assessore il nostro fotoreporter è entrato nella recinzione e ha scattato le foto che sono a corredo del servizio. Ebbene salta fuori che l’affermazione dell’assessore Ricci sembrerebbe tutt’altro che veritiera. I giochi a spese dei cittadini erano infatti stati installati in maniera definitiva su una piattaforma di materiale non rigido per evitare che i bambini cadendo si potessero far male. Tutti i giochi sono ancorati stabilmente in alloggiamenti con tanto di blocchi di sicurezza, in pratica una collocazione stabile che costerà cara ai viterbesi perché per smontare il tutto e riposizionarla altrove costerà, ma tanto agli attuali amministratori “che je frega” tutto si fa con le tasse dei viterbesi.

Foto G de Zanet I giochi ancorati (3)

Foto G de Zanet I giochi ancorati (1)

Foto G de Zanet I giochi ancorati (4)

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.