La sezione di Viterbo del CAI festeggia 50 anni

0

VITERBO – Il 26 febbraio 2016, nella sala conferenze della Camera del Commercio, i soci della Sezione di Viterbo del Club Alpino Italiano hanno festeggiato 50 anni di storia.

 

Una storia che ha inizio dall’entusiasmo, dalle passioni, dal desiderio di conoscenza di alcuni giovani che, negli anni difficili del Secondo Dopoguerra, hanno iniziato a frequentare prima i nostri monti e poi cime ben più lontane.

 

La Sezione di Viterbo, che conta oggi più di 500 soci da tutta la provincia, promuove la conoscenza del territorio e la difesa dell’ambiente naturale con escursioni e trekking, collabora con associazioni ed enti locali realizzando iniziative aperte anche ai non soci, cura la rete dei sentieri sul territorio, con un’attenzione speciale per la Via Francigena e svolge un ruolo sociale come polo di aggregazione all’interno della sede in via san Pietro 70/A che è luogo di incontro e di condivisione per tutti i soci.

 

Presenti ai festeggiamenti alcuni soci fondatori e membri del primo consiglio direttivo, tra cui Sergio Soletta, primo presidente eletto il 26 febbraio 1966. Dopo di lui hanno preso la parola Giuseppe Lupattelli, Valter Nepi e l’attuale Presidente pro-tempore Alessandro Selbmann ringraziando gli intervenuti e ripercorrendo brevemente le tappe più salienti che hanno condotto il CAI fino ai nostri giorni.

 

I 50 anni della Sezione sono stati poi ricordati attraverso la proiezione di alcune foto significative illustrate dalla socia Daniela Lai che ha raccolto i ricordi dei protagonisti passati e presenti. Nel corso della serata sono stati consegnati i distintivi e le targhe ai soci che hanno raggiunto i 25° e i 50 anni di iscrizione.

 

La serata si è conclusa con un ricco buffet e due torte con lo speciale stemma del 50° al taglio delle quali sono stati chiamati Sergio Soletta e Giuseppe Lupattelli.

 

 

Il primo presidente Soletta e l'attuale Selbmann

Il primo presidente Soletta e l’attuale Selbmann

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.