La vitale importanza del microchip

0

VITERBO – Anche se si è spesso convinti che il nostro amore ed un vigile controllo possano raggiungere livelli sufficienti a far si che il nostro cane non possa mai sfuggire al nostro controllo, bisogna sempre tener presente che esso è perennemente attratto da odori e segnali che non colpiscono in nessun modo la nostra attenzione.

 

Questo fa si che talvolta, anche se l’animale non intende di certo abbandonarci, esso possa inavvertitamente e istintivamente allontanarsi dalla nostra visuale, per poi repentinamente sparire nel nulla in men che non si dica.

 

Solo a quel punto, in preda alla più totale disperazione, ci rendiamo conto che l’unico aiuto ci potrebbe venire esclusivamente da quel minuscolo, ma efficacissimo apparecchietto ricevente denominato microchip. Per merito di esso infatti, in men che non si dica e solo con l’ausilio di un altro apparecchio “magico”, denominato “lettore”, si può ,in una sola manciata di minuti, una volta ritrovato l’animale, arrivare telefonicamente al proprietario.

 

Inserire il piccolissimo chip nel tessuto sottocutaneo del cane, non risulta ne difficile ne costoso, un piccolo gesto d’amore che qualunque veterinario può facilmente compiere in pochissimi minuti, ma d’effetto sicuramente portentoso per la sicurezza del proprietario e del suo migliore amico.

 

Il costo del microchip può variare dai 20 ai 30 euro, e di solito viene messo in opera anche senza appuntamento; una volta inserito, il numero distintivo composto da un codice esclusivo di 15 numeri, viene trasmesso al locale servizio veterinario della Asl, che, immagazzinandolo nella propria banca dati, avrà poi modo di stabilire i dati del proprietario su tutto il territorio nazionale in un lasso di tempo brevissimo, dando modo così a volontari e veterinari, di restituire il cane al proprietario.

 

Con un minimo di interesse, si può talvolta usufruire delle “Giornate del microchip” organizzate nelle piazze e nei centri commerciali dalle varie Asl e dalle Associazioni di Volontariato, ed in quel caso l’inserimento risulta addirittura gratuito.

 

Leonardo De Angeli

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.