“L’anima del cane”: abbandono, la sindrome da ‘cassonetto’

0

VITERBO – Sembrerebbe che alla disumanità ed alla ferocia non si riesca mai a mettere un punto. Si sta registrando in questi caldissimi giorni d’estate uno spaventoso picco nel grafico dell’abbandono degli animali; ma alla sete di crudeltà dell’uomo, sembra non basti più abbandonare in autostrada o nei boschi i cuccioli o i cani adulti indesiderati, ora, “l’idiota”, ama abbandonare gli animali nei cassonetti della spazzatura, perchè li si che si scatena il puro divertimento e chissà se poi “idiota “ in questione, non si apposti anche nelle immediate vicinanze sino all’arrivo del camion dell’immondizia, per vederli poi triturare dal compattatore, per poi avere magari un fremito di pura “gioia”?

 

Ecco signori, animalisti e non, questo è il quadro odierno della nostra ridente e civile cittadina, oltre quaranta cuccioli ritrovati da passanti nei cassonetti spersi per tutta la città in poco più di un mese, uno scenario orribile scritto con il sangue di poveri animali indifesi, prede di persone senza ne scrupoli ne civiltà, detentori di cagne volutamente non sterilizzate, forse proprio allo scopo di godere ciclicamente di questo macabro rituale.

 

A loro non mi rivolgo, non credo valga la pena di sprecare inchiostro per chi non ha facoltà cognitive, ma il mio messaggio vorrei che arrivasse a tutti coloro che, avendo avuto un parto indesiderato in casa, non sappiano che fine destinare ai poveri cuccioli: se non si ha il coraggio di recarsi personalmente presso il più vicino ufficio Ausl, il comando della Polizia Locale, il cancello di un canile o piuttosto la vetrina del veterinario sotto casa, lasciate almeno i vostri cuccioli dentro una piccola scatola ben chiusa e con dei fori adeguati, sulla porta del negozio sotto casa, daremo in tal modo una seconda chances ai nostri piccoli amici pelosi , e non ci macchieremo di un crimine, che amo ricordare…in base alla legge 189 art. 544, infligge salatissime multe e pesino l’arresto da tre a sei mesi a chi abbandona volutamente un animale. Facciamo vedere a tutti…che siamo “uomini”.

 

Leonardo De Angeli

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.