Polizia locale, proclamato lo stato di agitazione

0

 

VITERBO – “Nella giornata del 24 giugno u.s. si è tenuta un’assemblea del personale della Polizia Locale di Viterbo indetta dalle OO.SS. F.P. CGIL, CISL F.P., CONFSAL FENAL e DICCAO nel corso della quale si è ampiamente dibattuto per l’ennesima volta sulle problematiche che affliggono il personale della Polizia Locale di Viterbo.

 

I partecipanti sono stati oltre il 50% del personale in servizio che aggiunto a quello in ferie e malattia, che contattato ha dato l’assenso all’iniziativa, è arrivato ad una percentuale di circa il 70/80 per cento, ha dato mandato alle OO.SS. di proclamare lo stato di agitazione del personale della P.L. con la sospensione di tutte le prestazioni straordinarie e/o a progetto, a decorrere dal 28/06/2016 riservandosi ulteriori successive iniziative sindacali.

 

Appare opportuno evidenziare il senso di responsabilità manifestato dal personale dai sindacati nello scegliere la data del 28 Giugno, salvaguardando i giorni 24, 25, 26 e 27 per i quali, in occasione dell’inizio di “Caffeina”, i servizi erano già stati programmati e predisposti.

 

Purtroppo non si può sottacere l’atteggiamento superficiale dell’Assessore Ciambella che, a fronte di nostre precise richieste e proposte tendenti a migliorare almeno in parte il disagio in cui si trovavano ad operare i dipendenti della Polizia Locale, dichiara, sulle pagine della stampa, cercando di minimizzare, che le nostre rimostranze sono prive di fondamento perché sostanzialmente tutti i problemi sono risolti e a breve prenderanno servizio quattro unità di personale a tempo determinato, concludendo poi, in maniera a dir poco arrogante, che è ora che chi ha voglia di lavorare lavori.

 

Sappia l’Assessore che se negli passati manifestazioni quali Caffeina e altre si sono potute realizzare con successo è anche grazie al contributo della Polizia Locale che ha sempre, nonostante tutto, dimostrato spirito collaborativo e voglia di lavorare.

 

Peraltro se dodici Consiglieri Comunali hanno ritenuto opportuno richiedere la convocazione di un Consiglio Straordinario per discutere dei problemi della Polizia Locale di Viterbo un problema ci sarà o no?

 

Ben vengano quattro assunzioni a tempo determinato, anche se sono una goccia nell’oceano, ma noi abbiamo chiesto un riordino dei servizi e delle competenze spettanti al personale della Polizia Locale alla luce dei regolamenti approvati da questa Amministrazione; la conseguente rivisitazione dell’utilizzo del personale della P.L.; il recupero delle risorse economiche del personale distaccato presso la procura della Repubblica di Viterbo e il suo reinvestimento possibilmente in ulteriori assunzioni a tempo indeterminato; su questo il Sindaco e l’Assessora alla P.L. avevano preso un preciso impegno nel definire modi e tempi, impegno ad oggi disatteso.

 

Ma oltre a tutto quanto sopra detto, il personale della Polizia Locale lamenta il totale disinteresse da parte dell’Amministrazione Comunale rispetto al lavoro da noi svolto.

 

Questa amministrazione ha uno strano concetto di collaborazione! Deve essere a senso unico! Io chiedo e tu esegui!!!

 

Riteniamo che con modi e atteggiamenti più adeguati e rispettosi della dignità altrui si potrebbe veramente ottenere una collaborazione più costruttiva nonostante i problemi esistenti.

 

Per ultimo le scriventi OO.SS. vigileranno affinché in futuro vengano rispettate le normative relative al periodo di riposo tra un turno lavorativo e il successivo al fine di consentire il recupero psicofisico del lavoratore. Qualora ciò non avvenisse il fatto sarà denunciato a tutti gli organi competenti”.

 

F.P. CGIL Cinzia Vincenti
CISL F.P. Renato Trapè
CONFSAL FENAL Marcello Guadagno
DICCAP Maurizio Scardozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.