“I posti di lavoro del servizio tecnologico del Comune di Viterbo si possono salvare”

0

 

VITERBO – “I posti di lavoro del servizio tecnologico del Comune di Viterbo si possono salvare. L’amministrazione comunale si è impegnata lungo questo percorso. Un percorso a garanzia e a tutela dei lavoratori”.

 

A dichiararlo sono Massimo Guerrini della CGIL, Aldo Pascucci della CISL e Giancarlo Turchetti della UIL che oggi hanno incontrato a Palazzo dei Priori il Sindaco di Viterbo, Leonardo Michelini, e l’amministratore di Francigena Cesare Curcio.

 

Il servizio tecnologico conta oggi 5 addetti, di cui 2 collocati presso il Tribunale e 2 disposti agli edifici scolastici dove si occupano delle caldaie presenti all’interno della struttura. C’è infine un capo servizio la cui attività lavorativa è distribuita su entrambi i servizi.

 

Il 30 giugno, con la fine dell’appalto presso il Tribunale disdetto dal Ministero, 2 lavoratori rischierebbero di restare a casa.

 

“Il sindaco – spiegano CGIL, CISL e UIL – ha dato piena disponibilità a tutelare e garantire i posti di lavoro. Anche per gli addetti alle caldaie presso gli edifici scolastici si valuterà l’ipotesi di un riassorbimento del servizio stesso all’interno di Francigena. Questo a patto che Francigena predisponga e realizzi un piano di efficientamento energetico delle sue strutture. Per quanto riguarda i lavoratori oggi presso il Tribunale è previsto un percorso di riqualificazione per ricollocarli come autisti di autobus. Percorso di riqualificazione – proseguono i Sindacati – previsto anche per il capo servizio, in tal caso come direzione d’esercizio, figura professionale che servirà per la gestione degli ascensori di Valle Faul a Viterbo.

 

Si tratta di un’importante presa di posizione di cui siamo soddisfatti – concludono Massimo Guerrini, Aldo Pascucci e Giancarlo Turchetti – aspettiamo ora che dalle parole si passi ai fatti e dalle idee al dato concreto”

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.