Santa Rosa: il 31 agosto la processione del corpo e il Giubileo dei Facchini

0

Massimiliano Chindemi

 

VITERBO – In occasione del giubileo straordinario della misericordia, grandi novità sono attese per i festeggiamenti in onore di Santa Rosa.

 

La Curia di Viterbo ha infatti ufficializzato il trasporto straordinario del corpo della Santa viterbese; trasporto che coinciderà anche con i 765 anni dalla morte della piccola Rosa.

 

A fare da cornice, un evento unico nel suo genere, ovvero, il Giubileo deo Facchini di Santa Rosa, che sarà celebrato nella giornata del 31 agosto.

 

La manifestazione prenderà il via alle ore 21, con l’uscita dal Santuario del corpo della Santa. La teca, portata a spalla dai Facchini, raggiungerà la Cattedrale di San Lorenzo, dove resterà esposta (piantonata dai Facchini) sino al 2 settembre, giorno in cui il corpo della Santa tornerà all’interno del Santuario nel corso del Corteo storico.

 

“Lo spirito di collaborazione messo in campo dalla Diocesi, dalle Parrocchie, dal Sodalizio dei Facchini e il Comitato Festeggiamenti del Centro Storico – afferma Don Luigi Fabbri, Vicario generale della Diocesi di Viterbo – ci ha permesso di mettere in piedi un evento di notevole importanza, nel corso del quale i fedeli potranno accogliere il dono dell’indulgenza con la possibilità di potersi confessare in ogni momento.

 

Di particolare rilievo, il fatto che i viterbesi e tutti coloro che si troveranno nella nostra città in quei giorni avranno la possibilità di varcare la Porta Santa della Cattedrale di San Lorenzo alla presenza del corpo di Santa Rosa. Un’occasione, questa, che favorirà la riscoperta dei valori della misericordia indicati dal Giubileo e insiti nel messaggio lasciatoci dalla nostra Rosa”.

 

Un tema, quello della misericordia, su cui verteranno degli incontri in programma in 9 parrocchie della città. “In occasione dell’anno giubilare – afferma Don Elio Forti, Vicario Zona Pastorale di Viterbo – è necessario riscoprire l’esempio della nostra Santa, vero esempio di misericordia e attenzione nei riguardi del prossimo”.

 

Entusiasta per le iniziative in programma, il presidente del Sodalzio dei Facchini di Santa Rosa, Massimo Mecarini – ha rimarcato l’eccezionalità dell’evento: “L’ultima volta che la processione del corpo di Santa Rosa prese il via dal Duomo fu nel lontano 1935. Il poter prendere parte a un’iniziativa del genere ci riempie di entusiasmo. Il giubileo dei Facchini, in tale quadro, costituirà certamente un evento importante, a cui tutti coloro che sono stati Facchini sono ovviamente invitati a partecipare. E a proposito di partecipazione, invito tutti a prendere parte colletta alimentare in favore della Caritas, organizzata in collaborazione con la Parrocchia della Sacra Famiglia, in occasione delle prove di portata in programma il 23, 24 e 25 giugno”.

 

Un appuntamento, quello delle prove di portata, a cui quest’anno assisterà, per la prima volta, anche Suor Francesca Pizzaia, Superiora del Monastero di Santa Rosa che ha così commentato gli eventi in programma: “Il passaggio del corpo di Santa Rosa – afferma – ricorderà a noi tutti la necessità di essere uomini e donne di misericordia. La fraternità delle Alcantarine non conosceva questa Santa e in questi primi sei mesi di insediamento a Viterbo abbiamo avuto modo di apprezzare la devozione dei cittadini nei confronti di questa piccola grande donna. Il nostro ordine si metterà pertanto a completa a disposizione dei fedeli e dei pellegrini che parteciperanno alle giornate di feste in onore della Santa, cercando di diffondere al meglio il messaggio da lei ereditato”.

 

Don Fabrizio Pacelli - Don Elio Forti - Suor Francesca Pizzaia - Don Luigi Fabbri

Don Fabrizio Pacelli – Don Elio Forti – Suor Francesca Pizzaia – Don Luigi Fabbri

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.