“Paolo Salotti, un riferimento serio e certo per Vitorchiano”

0

 

VITORCHIANO – Mi chiamo Cecilia Mastronicola, forse molti di voi mi conoscono, da qualche anno vivo a Vitorchiano, zona Paparano, trasferitami da Viterbo in quella che si mostrava un oasi di tranquillità e confort, un paese allora noto come eccellenza della Tuscia.

 

Una scelta ragionata e condivisa con mio marito Paolo Salotti e i nostri figli Anthony e Daniele. Fin da subito abbiamo invece amaramente costatato un lento progressivo peggioramento della qualità della vita, percepita soprattutto in termini di servizi scadenti o addirittura inesistenti, il totale isolamento dal centro storico, il progressivo divenire “quartiere dormitorio”, non in grado di rispondere alla minima esigenza dei residenti di ogni fascia di età, in particolare ragazzi ed anziani. Credo che il merito di tale risultato sia da attribuire ad una amministrazione comunale disattenta e lassiva. Io e mio marito, inizialmente ci siamo posti il dubbio di aver forse fatto una scelta non ben ponderata, rammaricandoci per l’evidente realtà in cui ci eravamo calati, ben diversa dalle nostre aspettative, ma soprattutto da quelle dei nostri figli.

 

Parlando con i vicini di casa, qualche amico e parente, ho avuto la spiacente conferma che tale convinzione non era avvertita e subita solo dalla mia famiglia, ma anche da molti altri residenti di Vitorchiano.

 

Sempre più spesso ci siamo incontrati e confrontati, maturando l’idea di non rassegnarci ad una condizione, per dirla con un eufemismo, insufficiente, ma, al contrario, di dar voce alle nostre esigenze dando vita ad un Comitato Spontaneo di Quartiere che potesse in qualche modo essere ascoltato e considerato dall’attuale amministrazione.

 

Devo ammettere che inaspettatamente il piccolo Comitato, portavoce mio marito Paolo Salotti ha preso corpo, catalizzando l’attenzione e la partecipazione di un gran numero di persone. I residenti di Vitorchiano hanno cominciato a contattarci, dandoci consigli, idee e mettendoci a conoscenza di esigenze e condizioni non più solo del Paparano ma dell’intero territorio di Vitorchiano.

 

Da qui la scelta di assumerci un impegno attivo, consapevoli delle difficoltà a cui saremmo andati incontro, traducendo il Comitato Spontaneo di Quartire in un comitato strutturato, partecipato ed attivo: RINNOVAMENTO DI VITORCHIANO.

 

Abbiamo tentato inizialmente di proporci nei confronti dell’amministrazione come interlocutori collaborativi, ma vista l’indifferenza, abbiamo cercato di approcciarci nella contestazione, sempre in modo formale e garbato. Forse molti di voi hanno avuto modo di leggere sui quotidiani o sulla nostra pagina facebook articoli scritti da mio marito Paolo Salotti in qualità di presidente del Comitato Rinnovamento di Vitorchiano.

 

Con mio rammarico abbiamo ricevuto dall’attuale amministrazione, in risposta, solo attacchi personali, di bassa levatura morale, esclusivamente rivolti ad offendere, intimorire, mettere a tacere ogni possibilità di dialogo costruttivo. Di qui la decisione di tradurre le nostre iniziative presentandoci come LISTA CIVICA alle prossime votazioni comunali. Vorrei sottolineare che il Comitato Rinnovamento di Vitorchiano è un comitato estraneo a qualsiasi identificazione politica ed è composto da persone intellettualmente libere ed impegnate in questa attività solo per il bene del nostro Paese, obbiettivo unico.

 

Sono convinta dell’importanza di assicurare nella nuova amministrazione una persona che possa essere per tutti noi un riferimento serio e certo, con cui poter parlare apertamente e con facilità. Per questi motivi Vi invito ad aiutarci ed a sostenere, nella lista Rinnovamento di Vitorchiano, mio marito PAOLO SALOTTI. Credo che un cittadino rappresentato con serietà ed impegno si possa sentire direttamente partecipe, rassicurato e più responsabile. Oggi vivo a Vitorchiano e voglio seguitare a starci sempre meglio. Confido nel supporto di tutti voi”.

 

Cecilia Mastronicola

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.