ACQUAPENDENTE – Tramite la diffusione di una lettera aperta l’Associazione Nuova Acquapendente critica apertamente l’operato della lista “Prospettiva Futuro”.

“Il 7 Maggio 2016” (quindi due anni fa)”, sottolineano, “venivano presentati i candidati al Consiglio Comunale della lista “Prospettiva Futuro” a sostegno dell’attuale Sindaco Angelo Ghinassi per le elezioni amministrative di quell’anno. Illustrando ciò che sarebbe stato fatto per la rinascita del paese. E per invertire il lento ed inesorabile declino che sta vedendo la cittadina in questi ultimi anni.

Tra le proposte presentate per un nuovo modello di Città, uno dei punti forti era la tutela dell’ambiente. Tra cui rientra la valorizzazione del fiume Paglia, ed era stato anche prospettato un accesso al fiume per i disabili.

Evidentemente i pesci hanno preso le distanze dal progetto. Ed hanno fatto le dovute rimostranze, debitamente accolte, visto che al giorno d’oggi nulla è cambiato. La rinascita ambientale del territorio in ogni caso è solo uno dei punti di un programma più ampio per voler far diventare il paese cittadina turistica.

Voler diventare cittadina turistica significa sfruttare qualsiasi occasione che possa attrarre le persone. E, nel caso specifico, ospitare ed accogliere i pellegrini che si prestano a percorrere la Via Francigena. In questo l’Amministrazione attuale non è seconda a nessuno.

I candidati amministratori presentando il programma hanno evidenziato l’importanza di sviluppare la Via Francigena, ed effettivamente è recente la creazione di “Porta Francigena”, la rete d’impresa i cui capisaldi sono una nuova cartellonistica turistica ed un software per la gestione delle prenotazioni online.

Sembrerebbe tutto interessante. Se non fosse che il tratto di Cassia per arrivare ad Acquapendente è pericoloso sia per il traffico elevato, anche di mezzi pesanti, e sia per la mancanza di spazio idoneo a camminare.

In questo contesto, se un pellegrino non è investito da un Tir prima di arrivare in paese, può usufruire dei nuovi servizi creati dall’Amministrazione comunale. Forse la messa in sicurezza del percorso è solo un dettaglio insignificante ? Bisognerebbe prendere la macchina del tempo come in “Ritorno al futuro” e scappare in un futuro più lontano possibile da quello che ci stanno creando in questa prospettiva!”.
Commenta con il tuo account Facebook