Con approvazione di apposita Delibera, la Giunta Comunale di Acquapendente avvia ufficialmente le procedure standard per l’approvazione del PAESC (Piano d’Azione sull’Energia Sostenibile ed il Clima). Ad alcuni mesi di distanza dall’approvazione della Deliberazione N° 82 datata 29 Maggio (oggetto accordo con Università degli Studi della Tuscia in materia di energie rinnovabili e risparmio energetico) il documento con cui sui autorizza il responsabile del settore tecnico alla stipula della firma accordo collettivo, sintetizza come lo stesso “prevede una serie di azioni in tema di efficienza energetica e riduzione delle emissioni climateranti al fine di ridurre le emissioni di C02 a livello locale. L’obiettivo fissato, per chi sottoscrive con l’Unione Europea il Patto dei Sindaci, è la riduzione del 40% delle emissioni di gas effetto serra entro il 2.050. Il piano riguarda l’intera area geografica del Comune e deve includere azioni concernenti sia il settore pubblico che quello privato. In via di principio il piano agirà su sei settori: 1) Edilizia, municipale, terziaria e residenziale (comprese nuove costruzioni, nuovo insediamenti, riqualificazioni e ristrutturazioni importanti); 2) Infrastrutture urbane, depuratori, raccolta rifiuti ecc.; 3)Trasporti e mobilità urbana, trasporti municipali, pubblici e privati; 4) Produzione locale di energia rinnovabile; 5) Produzione locale di caldo e freddo; 6) Illuminazione pubblica”. Tre le fasi previste: a) Inventario di base delle emissioni (metodo IPCC su edifici, utenze, strutture, illuminazioni principali, utenze settore terziario, edifici residenziali, industrie, trasporto municipale, trasporto pubblico, trasporto privato, trasporto commerciale, gestione dei rifiuti, gestione delle acque reflue); b) Studio tecnico-economico su cinque azioni da sviluppare (risparmio energetico nella pubblica illuminazione, utilizzazione energetica di biomasse residuali ottenute dai rifiuti solidi urbani, realizzazione di impianti termici a pompa di calore geotermici, interventi di risparmio energetico su tutti gli edifici pubblici, realizzazione di impianti fotovoltaici); c) Progetto di comunicazione e diffusione del Paesc. Prima di sottoscrivere l’atto il Sindaco di Acquapendente Dottor Angelo Ghinassi ed il Presidente del Cerder Ingegnere Maurizio Carlini effettueranno un ultimo incontro preliminare.