Sindaco e amministratori hanno incontrato i bambini di primaria e infanzia. Al via mostra sull’avifauna locale


Il 21 novembre 2022, in occasione della Giornata nazionale degli alberi, ricorrenza istituita nove anni fa dal Ministero dell’Ambiente, il Comune di Acquapendente ha incontrato i bambini della scuola primaria e dell’infanzia, per un momento di condivisione all’insegna della tutela ambientale e della sostenibilità. All’incontro all’aria aperta hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco Alessandra Terrosi, l’assessore all’ambiente Glauco Clementucci e la consigliera con delega a istruzione, scuola e formazione Patrizia Rosatelli.

È stata una giornata molto significativa – commentano gli amministratori – in cui abbiamo sottolineato l’importanza di educare le nuove generazioni al rispetto dell’ambiente, un tema assolutamente centrale per questa amministrazione. La festa degli alberi, in particolare, è un’ottima occasione per sottolineare quanto ci sia sempre più bisogno di alberi nel nostro futuro. Ringraziamo Francesco Barberini, Matteo Faggi, i Carabinieri, i Carabinieri Forestali, la Polizia Locale e il personale della Riserva Naturale di Monte Rufeno per essere stati presenti nel corso di questa bella mattinata“.

Le iniziative dedicate alla natura non si fermano qui. L’ornitologo Francesco Barberini e il guardiaparco della Riserva Naturale di Monte Rufeno ed entomologo Matteo Faggi sono gli autori della mostra fotografica “Le ali di Monte Rufeno. Atlante dell’avifauna del Comune di Acquapendente“, correlata all’omonima pubblicazione e finalizzata alla scoperta degli uccelli che popolano il territorio aquesiano, la riserva e il bosco monumentale del Sasseto. L’esposizione è allestita dal 23 novembre 2022 all’8 gennaio 2023 presso la Biblioteca comunale in Via Cantorrivo e anche in questo caso sono previsti incontri con le scuole, per una sempre maggiore informazione e sensibilizzazione sulle tematiche ambientali.

Articolo precedente“Scuole sicure” 2022/2023, finanziati i progetti di Vetralla, Montefiascone e Civita Castellana
Articolo successivoIl pianoforte di Giuliana Bordoni Brengola al Liceo Musicale “S. Rosa da Viterbo”