ACQUAPENDENTE – Con atto Deliberativo di Giunta avente come oggetto “Concessione partnership all’Associazione Psikè onlus per partecipazione progetti bandi Regione Lazio” il Comune di Acquapendente ratifica la propria partecipazione al bando regionale “Presa in carico. Orientamento e accorpamento per l’inclusione sociale attiva”, inserito nell’ambito del programma operativo Fondo Sociale Europeo programmazione 2014-2020 per giovani in disabilità tra 18 e 35 anni.

Con i progetti previsti a denominazione “Dal seme al Frutto” e “Canta che ti passa” a valenza intercomunale, si rientra ampiamente in un avviso della Pisana che analizza con precisione la situazione di questa fascia di età. “In questi anni”, si sottolinea, “a far fronte di un esponenziale aumento dei fenomeni di multi problematicità entro i contesti sociali e familiari, si è assistito ad una progressiva erosione degli investimenti nel sociale. Questo quadro risulta essere particolarmente gravoso per le persone a maggior rischio di emarginazione, come i soggetti con disabilità certificata, in particolar modo intellettiva e disagio psichico. Secondo i dati Istat risulta che i 2/3 delle persone con disabilità sono fuori dal mercato del lavoro mentre solo il 3.5% sono occupati ed il 0.0% in cerca di occupazione.

D’altra parte la presenza di alunni con disabilità nel sistema nazionale di istruzione è progressivamente aumentata nell’ultimo decennio attestandosi nell’anno scolastico 2014-2015 specificatamente nella Regione Lazio intorno al 3.2%. A fronte di un maggior inserimento nel sistema scolastico, il percorso di inserimento nel contesto sociale e lavorativo appare particolarmente complesso per i giovani adulti con disabilità, soprattutto nei casi in cui le condizioni individuali e contestuali difficilmente pongono come possibili obiettivi futuri di occupabilità nel comune mercato del lavoro. L’obiettivo ad un macro livello è quello di incidere con politiche di welfare di comunità che siano sempre più lontane dal mero assistenzialismo da interventi di istituzionalizzazione”.

Commenta con il tuo account Facebook