ACQUAPENDENTE – Il Parroco Don Enrico Castauro ha presentato ufficialmente questa mattina il programma Domenicale della Prima Comunione, saltato nel mese di Maggio causa loock-down Covid 19.

“Un ringraziamento specialissimo”, sottolinea poco dopo le ore 10.00 , “alle volontarie parrocchiali che a partire dalle 08.30 hanno prima sanificato gli interni e poi allestito il Piazzale esterno alla Basilica Concattedrale del Santo Sepolcro dove si svolgerà l’evento. I preliminari sono iniziati nel tardo pomeriggio di Venerdì, quando a partire dalle ore 18.00 si sono svolte le confessioni dei genitori. Domani alle ore 11.00 Prima Comunione”.

Alcune riflessioni sul Vangelo, infine, a tutte le famiglie che accompagneranno i ragazzi nel percorso verso questo Primo Sacramento: “: Il figlio dell’uomo è Signore anche del Sabato. I discepoli di Gesù hanno fame e raccolgono qualche spiga di grano, ma: è sabato. Non è lecito. In un altro passo del Vangelo, Gesù si indigna di fronte alla durezza di cuore di chi non riesce a gioire per la guarigione di un uomo perché: perché avvenuta di Sabato. A parte l’ipocrisia dei soliti che però anche se Sabato, “tirano fuori il proprio asino caduto nel pozzo”, resta il fatto che la Legge così interpretata indurisce il cuore al punto da rendere ciechi al Bene. Terribile! Il cuore della Legge, ci insegna Gesù, è l’Amore. Non c’è regola che possa impedire di esercitare la Carità. Dio è Amore e soltanto chi vive nell’amore ha conosciuto Dio. Ed è l’Amore che resterà, in eterno. Le norme dovrebbero guidarci alla libertà dello Amore e non trasformarsi nel fine.

Madre Teresa di Calcutta tutto questo lo ha vissuto. Respirava Dio nel silenzio della contemplazione lo serviva senza vergogna, sporcandosi le mani, negli ultimi. Sotto lo sguardo stupito di chi, ancora oggi direbbe, o dice: è sabato non è lecito.