Presso la sede Cna di Acquapendente (referente Maurizio Paradiso – 3483214099 – [email protected]) la popolazione alto viterbese potrà presentare la domanda per il bonus di 600 € “I nostri servizi” sottolinea Maurizio Mancini Direttore territoriale del Patronato “si allineano alla volontà di scendere a fianco delle popolazioni viterbesi e del limitrofo bacino tirrenico per realizzare uno dei molteplici obiettivi del decreto CuraItalia a sostegno del reddito di chi vive in una situazione di difficoltà economica per l’effetto della diffusione del Covid-19. Ed il nostro sistema è pronto per informare ed assistere tutte le persone che hanno diritto a questa prestazione. La richiesta potrà essere compilata ed inviata online all’Inps direttamente dal cittadino che accederà all’area dedicata sul sito dell’Istituto con il pin di cui è già in possesso oppure con un pin “semplificato”ricevuto via sms o e-mail dopo averlo richiesto tramite portale o contact center (è un’operazione che è consigliabile fare da subito), o con lo Spid. Come Cna abbiamo promosso l’Ente di Patronato Epasa-Itaco, con l’obiettivo di offrire agli imprenditori ed ai lavoratori il servizio per l’inoltro della domanda: sono attivi gli operatori sedi della Provincia di Viterbo e di Civitavecchia pronti già a raccogliere i dati necessari alla compilazione della modulistica Oltre al referente aquesiano questi gli altri contatti: 0761.229253 – 338.6097099 (Maurizio Mancini – [email protected]),   0766.856883 – 340.8150414 (Fabrizio Marra, [email protected]),   320.4674192 (Sergio Ceccarelli, [email protected]),   0766.89436 (Patrizia Melaragni, [email protected]), 339.6986823 (Bruno Caratelli). Ma c’è anche un’altra opportunità. Il Patronato ha potenziato l’operatività digitale, per rispondere ai bisogni delle persone senza che queste debbano muoversi da casa. Da alcuni giorni, sul sito www.epasa-itaco.it è a disposizione una piattaforma, www.smart2people.it (in collaborazione applicativa con l’Inps), attraverso la quale il cittadino può richiedere tutte le prestazioni stabilite dalla legge in materia di welfare e per l’emergenza Coronavirus. Compresa l’indennità di 600 euro. Stiamo compiendo un grande sforzo per portare il Patronato in tutte le case. Questa soluzione digitale consente di dare continuità a un servizio fondamentale in un momento così straordinario. Abbiamo preso sul serio l’invito #iorestoacasa. Nello stesso tempo, manteniamo un contatto quotidiano, telefonicamente, via e-mail e attraverso i social, con tutti i nostri utenti”,  Ricordiamo che del bonus per il mese di marzo possono fruire i lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni Artigiani e Commercianti o Coltivatori Diretti dell’Inps, insieme con i titolari di partita Iva, i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, gli stagionali del turismo e degli stabilimenti termali che abbiano perso il lavoro nel periodo dal 1° gennaio 2019 al 17 marzo di quest’anno e gli operai agricoli che lo scorso anno abbiano lavorato almeno 50 giorni. Sono esclusi coloro che possiedono l’iscrizione a forme previdenziali obbligatorie diverse dall’Inps e i titolari di pensione.