Le iniziative civili e religiose in programma in centro e nelle frazioni aquesiane

Acquapendente e le sue frazioni Torre Alfina e Trevinano celebrano la ricorrenza di Sant’Antonio Abate, molto sentita nella Tuscia e attraverso cui si tramandano antiche tradizioni religiose e popolari, tra cui la benedizione degli animali. In programma nei tre centri una serie di iniziative realizzate grazie alla collaborazione tra amministrazione comunale, comitati locali, associazioni Pro Loco e parrocchie.

Ad Acquapendente, dove per l’edizione 2023 il signore della festa è Katya Todaro, il Comitato Festeggiamenti Sant’Antonio Abate ha dato il via alla festa lunedì 16 gennaio a mezzogiorno con la tradizionale distribuzione della minestra di fave. Al pomeriggio, a partire dalle ore 18.00, messa vespertina nella chiesa di Sant’Agostino seguita dalla processione con la statua del santo per le vie cittadine fino alla cattedrale del Santo Sepolcro. Martedì 17 gennaio si comincia al mattino con rinfresco gratuito in Via Marconi presso la Sala Bigerna (ore 9.00) e uscita della banda musicale (9.30). Alle 10.00 sfilata di carrozze e cavalli e visita del signore della festa alla RSA San Giuseppe. Alle 11.00 in Cattedrale messa solenne celebrata da monsignor Orazio Francesco Piazza, vescovo della Diocesi di Viterbo. Al termine benedizione degli animali e rientro della statua di Sant’Antonio Abate nella chiesa di Santa Caterina. La giornata si conclude alle 16.30 con un altro rinfresco gratuito in Sala Bigerna. Queste iniziative sono promosse e sostenute dal Comitato Festeggiamenti Sant’Antonio Abate, Pro Loco Acquapendente, Comune di Acquapendente e Provincia di Viterbo.

Torre Alfina l’appuntamento con la festa di Sant’Antonio Abate è per il fine settimana successivo con la Pro Loco. Sabato 21 gennaio alle ore 14.00 in Sala Agraria cottura delle fave, che saranno benedette insieme a biscotti, pane e vino domenica 22 alle ore 8.30 e quindi distribuite per la tradizionale colazione. Alle 10.45 benedizione degli animali in Piazzale Sant’Angelo, seguita alle 11.15 dalla messa nella chiesa parrocchiale e processione. La celebrazione religiosa conclude il triduo di preparazione in programma il 19, 20 e 21 gennaio alle 17.00. Alle 15.30 in Sala Agraria accensione del fuoco di Sant’Antonio ed estrazione della lotteria.

Trevinano celebra il Santo nello stesso weekend con alcune iniziative a cura della Pro Loco e della Parrocchia della Natività di Maria Santissima. Domenica 22 gennaio alle 9.30 arrivo della Banda musicale “Aria di Festa” di Acquapendente. Alle 10.00 messa nella chiesa di San Rocco con benedizione degli animali, solenne processione fino alla chiesa parrocchiale e distribuzione della tradizionale panetta. Il triduo religioso in onore di Sant’Antonio Abate si svolge il 19, 20 e 21 gennaio alle 16.00 presso la chiesa parrocchiale. Nel pomeriggio alle 15.00 presso il circolo della Pro Loco buffet con pane, porchetta, vino e distribuzione del tradizionale pane di Sant’Antonio.

Articolo precedenteMaltempo, condizioni meteorologiche avverse da oggi, lunedì 16/01/2023, e per le successive 24-36 ore
Articolo successivoIl Trio Florentia in concerto per il BolsenArte Winter