ACQUAPENDENTE – La Caritas parrocchiale “Don Luigi Squarcia” di Acquapendente ha presentato il resoconto attività Gennaio-Novembre 2016.

Per quanto riguarda la distribuzione alimenti, è avvenuta per 29 famiglie. Un totale di 83 persone di cui il 59% italiane e 41% provenienti da altri paesi. 622 i pacchi famiglia consegnati. Per quanto riguarda la distribuzione indumenti è avvenuta per 24 famiglie. 92 le persone di cui il 10% italiane ed il 90% provenienti da altri paesi. Per quanto riguarda gli altri aiuti, 5 i piccoli prestiti economici (famiglie italiane), 3 pagamenti affitti (famiglie italiane), 3 pagamenti utenze (2 famiglie italiane 1 proveniente da altri paesi), 2 acquisti medicinali e presidi per famiglie italiane, 16 acquisti generi alimentari specifici per famiglie italiane, 1 contributo acquisto generi prima necessità (famiglie italiane), 2 visite mediche specialistiche (famiglie italiane), 3 contributi per riscaldamento (famiglie italiane), 1 contributo spese di trasporto per ricongiungimento familiare (famiglia altro paese), 3 contributi economici bisogni urgenti (famiglie italiane).

Ed, infine, 1 soggiorno breve (famiglia italiana). “Desidero ringraziare”, sottolinea il Parroco Don Enrico Castauro, “tutta la popolazione per la generosità. Tante nostre famiglie hanno potuto avere un aiuto nel mangiare e nel vestire. Non mi resta che rinnovare l’invito a quanti lo desiderassero, a svolgere attività di volontariato in Parrocchia con noi e così constatare di persona la gioia che si prova nell’essere vicino a chi soffre. Nell’invitare tutti gli aquesiani i locali e conoscere da vicino le varie attività (linea info 366.2910227), intendo regalare a tutti questa massima di Madre Teresa di Calcutta: “Apri i nostri occhi Signore, perché possiamo vedere Te nei nostri fratelli e sorelle. Apri le nostre orecchie Signore, perché possiamo udire le invocazioni di chi ha fame, freddo, paura e chi è oppresso. Apri il nostro cuore Signore, perché impariamo ad amarci gli uni gli altri come Tu ci ami. Donaci di nuovo il Tuo Spirito Signore, perché diventiamo un cuore solo ed un anima sola nel Tuo nome”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email